Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'exception française

Si tratta di una tesi storico linguistica nella quale si prende in esame l'influenza dello Stato nella nascita di vaire istituzioni culturali in Francia.
La seconda parte è dedicata all'analisi dell'espressione "exception française" e alle diverse accezioni con cui questa espressione è stata utilizzata in articoli del quotidiano "Le Monde".

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1.1. Introduzione L’espressione «exception culturelle» nasce in ambito prettamente economico. Coniata nei primi anni Ottanta da Jack Lang, ministro degli Affari culturali in Francia per due mandati, 1981-1986 e 1988-1993, designa una politica, che può essere definita di tipo protezionista, tendente a limitare la deregolamentazione nel commercio dei prodotti dell’industria culturale (libri, films, opere musicali) 1 . Nella terra del Re Sole lo Stato svolge tutt'oggi un ruolo centrale per quanto concerne le questioni sia culturali sia economiche. Per capire come si sia creato questo tipo di situazione, ci sembra necessario mettere in evidenza, da una parte, come in Francia, attraverso i secoli, sia sempre esistito «un rapport plus étroit qu'ailleurs entre la culture et le pouvoir» 2 ; dall'altra, le ragioni storico-culturali che hanno portato a una «aversion française à l'égard de la concurrence» 3 e quindi a una particolare ingerenza dello Stato per limitare una totale liberalizzazione dell'economia. In questo capitolo metteremo dunque in luce il fatto che il ruolo centrale svolto dallo Stato nelle questioni culturali ha profonde radici nella storia francese e che si può affermare l'esistenza di una sorta di continuità secolare nel modo di intendere la cultura da parte del potere politico. Il secondo capitolo sarà invece dedicato all'esposizione di alcune teorie atte a spiegare le motivazioni di una supposta refrattarietà francese nei confronti del libero mercato. 1 Cfr., J. Farchy, La fin de l'exception culturelle?, Paris, CNRS Editions, 1999, p. 7. 2 R. Jacques, L'exception culturelle. Culture et pouvoir sous la Vème République, Paris, Grasset, 1996, p. 24. 3 Y. Tinard, L'exception française. Pourquoi?, Paris, Maxima, 2001, p. 23.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Gabriele Deiana Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1922 click dal 16/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.