Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tragedie a lieto fine del primo Settecento

L'idea che la tragedia abbia necessariamente un fine luttuoso è un'idea moderna, ma la storia della drammaturgia dimostra che sin dall'antichità le tragedie potevano avere un fine lieto o funesto.
Non erano il finale triste e gli eventi luttuosi, ma altre le caratteristiche che distinguevano il genere tragico dalla commedia.
Le tragedie a lieto fine esistevano già, come dimostrano i classici greci e La Poetica di Aristotele, ma anche la letteratura drammatica francese. Tuttavia, il primo Settecento è un periodo che vide una grande fioritura di tragedie con finale lieto, accompagnate da una nuova fase di riflessione sui generi teatrali.
Attraverso il dettagliato esame di quattro testi, proviamo a chiederci le ragioni di questa fioritura, cercando di illuminare aspetti ancora sconosciuti del genere tragico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La tragedia italiana del primo Settecento per lungo tempo non è stata ritenuta degna di particolari attenzioni critiche. Fino ad anni piuttosto recenti gli studi sulla letteratura teatrale del XVIII secolo si limitavano a costatare il fallimento dei tentativi letterari in ambito tragico anteriori all’Alfieri. Tutta la prima metà del secolo, nonostante numerose prove, sarebbe sostanzialmente segnata da una <<aspirazione al tragico>> che mancherebbe di realizzarsi: Uno stato di decadenza assoluta si presenta a chi guardi la situazione del teatro di questo periodo, ed in particolare di quello tragico. E’ un’asserzione più che ovvia: l’Italia non aveva una “tragedia” degna di questo nome ed il disinteresse degli scrittori era pari a quello del pubblico […] la società di cui la tragedia si faceva espressione, era priva di reali conflitti politici e sociali; mancavano cioè le premesse concrete per una rinascita di questo genere destinato a rimanere chiuso nel puro ambito letterario. Sicché quasi tutte le opere non furono che esercitazioni velleitarie per élites di cultori. 1 Se si può discutere il valore della letteratura tragica italiana dell’epoca, che pur rimane in gran parte assolutamente inesplorata, non si possono negare l’estremo impegno e la profonda elaborazione teorica che accompagnarono i tentativi drammaturgici, nonché l’importanza che venne attribuita alla tragedia come Poesia. Il Settecento si apre sulla constatazione della decadenza del genere tragico e su una consapevole e programmatica volontà di riformarlo. La tragedia continuava 1 G. NICASTRO, Metastasio e il teatro del primo Settecento, in AA.VV, Letteratura italiana. Storia e testi, Roma-Bari, Laterza, 1976, vol.33, pag.11. Molto simili le posizioni espresse in altre opere sulla tragedia della prima metà del secolo. Si Vedano ad esempio A. GALLETTI, Le teorie drammatiche e la tragedia in Italia nel secolo XVIII (1700-1750), Cremona, Fezzi, 1901; A. PARDUCCI, La tragedia classica italiana del secolo XVIII anteriore all’Alfieri, Rocca S.Casciano, Cappelli, 1902 ; G. NATALI, Storia letteraria d’Italia.Il Settecento, Milano, Vallardi, 1926.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simona Buonomano Contatta »

Composta da 473 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2327 click dal 15/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.