Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Venticinque anni di riforme in Cina: vittorie e contraddizioni di una nuova potenza mondiale

Questa tesi si propone di analizzare alcune caratteristiche dello straordinario sviluppo economico e sociale che sta vivendo la Repubblica Popolare Cinese dall’inizio delle riforme ad oggi. Punto di partenza di questo escursus storico sarà la morte di Mao Zedong, e il successivo arrivo al potere, due anni dopo, di Deng Xiaoping. Nel primo capitolo, vengono analizzate le condizioni in cui versava il paese dopo trenta anni di comunismo maoista, soprattutto attraverso alcune caratteristiche alla base di questa visione rivoluzionaria come la collettivizzazione delle terre, le imprese statali o le relazioni della Repubblica Popolare con il mondo esterno. Verranno poi approfondite riforme fondamentali come il sistema a responsabilità familiare e la riforma agraria. Nell’ultimo paragrafo si affronteranno le cause di un problema che la Cina delle riforme non è ancora riuscita a risolvere: le imprese statali.
Nel secondo capitolo, si ripercorreranno le tappe fondamentali degli anni ottanta. Punti fondamentali di questo periodo saranno il miglioramento senza precedenti delle condizioni dei contadini, l’arrivo delle riforme nelle zone urbane, l’implementazione di esperimenti, più o meno fortunati, il ruolo importantissimo svolto da Hong Kong, e il primo abbozzo del sistema verso il quale punterà la Cina negli anni a venire: l’Economia Socialista di Mercato. Il capitolo si chiuderà con un accenno alle tensioni della fine degli anni ottanta e che sfoceranno nelle manifestazioni studentesche di Piazza Tianan Men.
Il terzo capitolo si apre all’indomani della strage di Tianan Men e tenta di analizzare la situazione in cui si sono trovati il paese e la sua leadership, ma soprattutto, le modalità che permisero al paese di uscire dalla crisi e di riprendere a crescere sottolineando le tappe fondamentali di un decennio, gli anni novanta, che sarà ricordato dalla storiografia come il Decennio Glorioso. Saranno infine approfonditi fattori importanti che hanno contribuito allo sviluppo del paese come i capitali e le aziende straniere.
Il quarto ed ultimo capitolo affronta quattro contraddizioni nate da questa crescita impressionante, ma a cui deve assolutamente far fronte la Repubblica Popolare Cinese: la riforma industriale incompleta, le ineguaglianze regionali, la disoccupazione e la permanenza di sacche consistenti di povertà, che sono, infatti, fra i maggiori problemi che deve affrontare la Cina in questo inizio di secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’obiettivo principale della mia tesi è quello di analizzare alcune caratteristiche dello straordinario sviluppo economico e sociale che sta vivendo la Repubblica Popolare Cinese dall’inizio delle riforme ad oggi. Intento della tesi è dare un quadro generale della direzione intrapresa dalla leadership comunista e dei principali cambiamenti che hanno fatto di un paese, che meno di tre decenni fa era tra i più poveri e chiusi al mondo, una Potenza ormai rispettata, temuta, dinamica e che, pur non avendo alcun rispetto per i diritti umani, risulta ormai integrata, ed in cerca del suo nuovo status internazionale. Punto di partenza di questo escursus storico sarà la morte di Mao Zedong, e il successivo arrivo al potere, due anni dopo, di Deng Xiaoping. Nel primo capitolo, vengono analizzate le condizioni in cui versava il paese dopo trenta anni di comunismo maoista, soprattutto attraverso alcune caratteristiche alla base di questa visione rivoluzionaria come la collettivizzazione delle terre, le imprese statali o le relazioni della Repubblica Popolare con il mondo esterno. Aspetto fondamentale di questo capitolo è l’attenzione data al delinearsi dei nuovi obbiettivi e alla rivalutazione delle priorità che, da allora, faranno da guida alle successive generazioni di leader. Sono analizzate riforme fondamentali come il sistema a responsabilità familiare e la riforma agraria, indispensabili nello spiegare il cambio di rotta e l’improvviso miglioramento delle condizioni di vita nelle campagne, nonché il balzo in avanti della produttività agricola, ma soprattutto non agricola, delle zone rurali e l’accresciuta fiducia nelle politiche di riforma. Nell’ultimo paragrafo si affronterà un problema che, creato e posto come asse portante del sistema economico pianificato e centralizzato del regime comunista, la Cina delle riforme non è ancora riuscita a risolvere, e che è alla base delle incertezze per il futuro: le imprese statali.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Rosario Di Maggio Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5801 click dal 18/03/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.