Skip to content

Problemi penalistici in materia di procreazione medicalmente assistita

Informazioni tesi

  Autore: Laura Consolandi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Domenico Pulitanò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 218

I progressi realizzati, negli ultimi tempi, dalla biogenetica sono senz’ombra di dubbio sorprendenti. Infatti, con l’affinamento delle tecniche scientifiche di procreazione medicalmente assistita (comunemente detta fecondazione artificiale), è stato in vario modo risolto il problema dell’infertilità della coppia.
Allo schema tradizionale del concepimento, caratterizzato dall’unione naturale dell’uomo e della donna, se ne sono affiancati progressivamente altri: dall’inseminazione artificiale dell’ovulo materno, realizzata mediante l’iniezione nel corpo della donna dei gameti maschili, si è passati alla fecondazione dell’ovocita fuori dell’alveo naturale (mediante l’utilizzo del seme del partner o di un donatore estraneo alla coppia) seguita dalla ricollocazione dell’ovulo fecondato nell’utero materno, per poi arrivare al cosiddetto fenomeno della maternità surrogata, caratterizzato dal collocamento dell’ovulo fecondato artificialmente in un alveo femminile estraneo a quello originario.
Tutto ciò è stato realizzato in assenza di una specifica disciplina normativa, che individuasse limiti e condizioni per l’accesso alle varie tecniche di riproduzione assistita.
La possibilità di ricorrere alla fecondazione artificiale implica, infatti, l’insorgere di numerose questioni di carattere giuridico-morale, quali, per esempio, la qualificazione o meno dell’embrione formato in provetta come individuo, con la conseguente problematica della tutela della vita, della dignità, della salute del concepito fin dal momento della sua formazione; la questione della liceità dell’accesso alla fecondazione artificiale da parte dei singles o delle coppie non sposate, o di quelle omosessuali; oppure ancora la legittimità della fecondazione eterologa, caratterizzata dall’utilizzo di gameti provenienti da un donatore estraneo alla coppia; il problema della legittimità della cosiddetta fecondazione post mortem o dell’utero in affitto, e numerose altre questioni, che dovrebbero essere discusse in Parlamento.
Attualmente, poiché non esiste nessuna disciplina vincolistica in materia di maternità assistita, deve ritenersi che ogni intervento, di qualunque specie esso sia, è penalmente lecito e non può dare pertanto luogo di per sé a responsabilità penale. Dico di per sé nel senso che non vi sono norme penali che puniscano chi semplicemente richieda o applichi una delle tecniche di procreazione assistita, mentre esistono già nel nostro ordinamento norme penali che individuano una responsabilità per il medico che, come in qualsiasi altro intervento medico-chirurgico, provochi delle lesioni personali al paziente che, nel caso della fecondazione artificiale, è la donna che si sottopone al trattamento, oppure lo stesso concepito.
Esiste, anche, nel nostro ordinamento il reato di abuso d’ufficio, in cui potrebbe incorrere il medico che utilizzasse i fondi stanziati dalla Regione o dalle Unità Sanitarie Locali, per forme d’intervento di maternità assistita in relazione alle quali l’ente erogatore abbia imposto dei vincoli o dei divieti nell’impiego del denaro pubblico.
A queste (poche) norme di carattere penale si possono aggiungere le numerose circolari che il Ministro della sanità ha emanato negli ultimi anni, allo scopo di colmare il vuoto normativo in materia di procreazione medicalmente assistita.
Ma si tratta di disposizioni che, da un lato, si occupano solo di alcune delle questioni cui la fecondazione artificiale dà origine, quali quelle attinenti al pericolo di trasmissione del virus dell’HIV e di altri agenti patogeni attraverso il seme umano impiegato per la fecondazione artificiale , quella riguardante le strutture e i servizi disponibili , quella della non remunerabilità della donazione di materiale genetico , oppure quella contenente il divieto di sperimentazione a fini di clonazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Problemi penalistici in materia di procreazione medicalmente assistita Introduzione I progressi realizzati, negli ultimi tempi, dalla biogenetica sono senz’ombra di dubbio sorprendenti. Infatti, con l’affinamento delle tecniche scientifiche di procreazione medicalmente assistita (comunemente detta fecondazione artificiale), è stato in vario modo risolto il problema dell’infertilità della coppia. Allo schema tradizionale del concepimento, caratterizzato dall’unione naturale dell’uomo e della donna, se ne sono affiancati progressivamente altri: dall’inseminazione artificiale dell’ovulo materno, realizzata mediante l’iniezione nel corpo della donna dei gameti maschili, si è passati alla fecondazione dell’ovocita fuori dell’alveo naturale (mediante l’utilizzo del seme del partner o di un donatore estraneo alla coppia) seguita dalla ricollocazione dell’ovulo fecondato nell’utero materno, per poi arrivare al cosiddetto fenomeno della maternità surrogata, caratterizzato dal collocamento dell’ovulo fecondato artificialmente in un alveo femminile estraneo a quello originario. Tutto ciò è stato realizzato in assenza di una specifica disciplina normativa, che individuasse limiti e condizioni per l’accesso alle varie tecniche di riproduzione assistita. La possibilità di ricorrere alla fecondazione artificiale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fecondazione artificiale
procreazione assistita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi