Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro dell'antica Roma alle origini del teatro moderno

Il lavoro pone il teatro della civiltà latina, in specie quello del periodo tardo-repubblicano e imperiale alla base del teatro - cosiddetto di regia - della civiltà moderna.
In particolare vengono analizzati alcuni aspetti di quella civiltà dello spettacolo, quali la spettacolarità, anche deteriore, il divismo, i legami con il potere e con la società, e vengono confrontati con l'oggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 IL TEATRO DELL' ANTICA ROMA ALLE ORIGINI DEL TEATRO MODERNO INTRODUZIONE Quando Roma si apre al teatro greco, accettandone le regole sostanziali, la collocazione dell'arte drammatica è già stabilita. Nel 240 Livio Andronico mette in scena il primo dramma e la cornice è quella dei ludi, che non costituiscono però il momento del riconoscimento reciproco dei membri di una comunità politica, e assolvono perciò a una funzione assai diversa da quella svolta per esempio dalle Dionisie in Atene. Non staccati da un significato religioso, essi appaiono però una parentesi, e si propongono come uno svago, un divertimento, necessario e rigorosamente strutturato, ma comunque uno svago e non un momento di concentrazione e di festa in senso

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Fabio Cassarà Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8363 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.