Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cipro: oltre la mediazione. Un trentennio di fallimenti e la speranza di un compromesso europeo

Dopo dozzine di negoziati fallimentari, la questione cipriota assurge alla ribalta internazionale dal momento che l’isola figura tra i candidati all’allargamento dell’Unione Europa ufficializzati alla fine del 2002. Il presente lavoro ripercorre storicamente gli eventi che hanno fatto sorgere e successivamente esasperato la rivalità tra Grecia e Turchia, analizzando i molteplici contenziosi che tuttora oppongono i due paesi: lo status delle minoranze grecofona e turcofona, la questione della sovranità sulle isole egee, la delimitazione della piattaforma continentale e del mare territoriale, la definizione dello spazio aereo nazionale. Accanto a queste controversie, viene delineata la questione cipriota a partire dal periodo della dominazione coloniale britannica, passando per l’affermazione delle opposte ideologie di taksim e enosis, fino agli eventi che condussero all’invasione turca della parte settentrionale dell’isola che si autoproclamò indipendente nel 1983. La dimensione che questa tesi privilegia è però l’analisi dei differenti approcci diplomatici alla questione adottati nel corso degli anni dai più importanti attori internazionali: ONU, NATO e UE.
Attraverso questo studio ho voluto infatti identificare efficienze ed inefficienze degli attori, ovvero quei fattori che, da un lato, hanno contribuito ad impedire ulteriori escalation delle violenze e che, dall’altro, hanno ritardato il raggiungimento di una soluzione politica durevole.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE Da ventotto anni la “Linea Attila” divide l’isola di Cipro e la sua capitale Nicosia in due parti, una situazione silenziosamente accettata dalla comunità internazionale nell’ultimo trentennio ma che presto potrebbe finire. Infatti, dopo dozzine di colloqui e negoziati fallimentari che si tengono dal 1974, anno della divisione dell’isola, la questione cipriota assurge nuovamente alla ribalta internazionale, dal momento che l'isola dovrebbe figurare tra i primi candidati all'allargamento dell'Unione Europea, che saranno ufficializzati alla fine del 2002. Nel gennaio scorso sono state avviate, sotto l’egida dell’ONU, alcune trattative che si preannunciano decisive per il futuro di Cipro, ma resta ancora da sapere se anche i turco- ciprioti potranno aderire a pieno titolo all'Unione. Il presente lavoro intende ripercorrere storicamente gli eventi che hanno dapprima fatto sorgere ed in seguito esasperato la rivalità tra Grecia e Turchia, analizzando nel primo capitolo i molteplici contenziosi che tuttora oppongono i due paesi: lo status delle minoranze turcofona e grecofona, la questione della sovranità sulle isole egee, la delimitazione della piattaforma continentale e del mare territoriale, la definizione dello spazio aereo nazionale. Accanto a queste controversie, viene delineata la questione cipriota, che è analizzata nel suo evolversi storico, a partire dal periodo chiave della dominazione coloniale britannica fino all’affermarsi delle opposte ideologie di taksim e enosis.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Manuela Moy Contatta »

Composta da 349 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2198 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.