Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Acli di Cremona e della sua provincia nel secondo dopoguerra

La tesi si occupa della storia delle Acli (Associazione Cristiane dei Lavoratori Italiani) in provincia di Cremona dal 1945, anno della loro fondazione, al 1972 quando, a causa di divergenze sul futuro politico dell'associazione, la sede diocesana di Crema decise di abbandonare le Acli per aderire allo Mcl (Movimento Cristiano dei Lavoratori). Lo studio è stato svolto utilizzando le fonti archivistiche interne al movimento

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1.“A tempi nuovi sistemi nuovi”. La nascita delle Acli in provincia di Cremona e le prime iniziative (1945-1949) 1.1 Le Acli nel 1945 L’Italia uscì fortemente provata dalle vicende della seconda guerra mondiale, come testimoniano in modo molto eloquente le cifre dei danni subiti dal nostro paese nel corso del conflitto: due milioni di vani di abitazioni furono distrutti ed un milione gravemente danneggiati, il 60% delle strade venne messo fuori uso, il 40% delle ferrovie reso inutilizzabile, l’80% della flotta mercantile affondato 1 . Si ebbe poi un notevole calo sia nella produzione agricola sia in quella industriale (anche se in questo settore, ad onor del vero, le tempestive azioni delle forze partigiane evitarono la distruzione di molti impianti ad opera delle truppe tedesche in ritirata) 2 : nel primo settore le rese calarono del 60%, nel secondo il 20% degli impianti venne irrimediabilmente compromesso e la produttività complessiva calò del 70% rispetto all’anteguerra 3 . A questi danni di tipo materiale si unirono gli altrettanto gravi (e, per di più, difficilmente quantificabili) guasti di ordine psicologico e morale subiti dalla popolazione e dovuti alla mancanza di notizie sulla sorte dei propri cari, alla perdita di oggetti abbandonati nella fuga e ricchi di implicazioni affettive, al venir meno del rispetto della vita umana, cui si attribuì un valore sempre decrescente di fronte all’incalzante crudezza degli eventi bellici 4 . Si riscontrò inoltre un notevole aumento dei reati contro la persona 5 e della prostituzione (fenomeno collegato con la necessità di procurarsi l’indispensabile per poter vivere tramite il mercato nero) 6 e si dovette pure affrontare il grave problema t 1 Cfr. Giuseppe Mammarella, L’Italia con emporanea 1943–1998, Bologna, Il Mulino, 1998, pp. 84–86. 2 Cfr. ibidem, p. 85. 3 Cfr. ibidem, p. 85. 4 Cfr. Silvio Lanaro, Storia dell’Italia repubblicana, Venezia, Marsilio, 1992, p. 13. 5 Cfr. ibidem, p. 13. 6 Cfr. G. Mammarella, L’Italia contemporanea 1943-1998, cit., p. 83. 22

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simone Riboldi Contatta »

Composta da 334 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 653 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.