Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale dell'ambiente e delle aree naturali protette

Analisi degli strumenti di diritto penale concretamente utilizzabili nell' opera di tutela ambientale, con riflessioni introduttive sui riparti di competenza legislativa ed operativa da parte delle istituzioni locali e nazionali. La ricerca ha poi preso spunto da un approfondimento sulla situazione delle aree naturali protette, dal loro funzionamento quali enti di tutela e valorizzazione agli strumenti penali posti a tutela dei reati perpetrabili in dette zone. Il discorso ha svariato su tematiche strettamente connesse a dette zone, come la definizione e le normative funzionali alla repressione degli incendi boschivi, dei reati contro la fauna selvatica come il bracconaggio, o ancora posti in essere in danno a corsi di acqua e falde.

Mostra/Nascondi contenuto.
La tutela penale dell’ambiente e delle Aree Naturali Protette - Marco Ghelfi - 1 INTRODUZIONE La sempre più delicata ed attuale tematica relativa ad un’efficace tutela dell’ambiente, non può senz’alto prescindere da un concreto coinvolgimento del diritto penale: questo si pone anzitutto quale importante strumento per garantire l’effettività delle specifiche discipline di settore, nonché come elemento di monito per interventi, anche di tipo preventivo, nei confronti di una collettività sempre meno rispettosa di quell’ecosistema in cui necessariamente risulta inserita. Un discorso che pretenda di offrire una panoramica penetrante e completa relativamente le innumerevoli implicazioni in cui la tutela ambientale viene in rilievo nell’odierna società, sarebbe alquanto pretenzioso e sicuramente poco esaustivo: basti pensare al settore della tutela delle acque fluviali e marine, tristemente attuale da qualche mese a questa parte anche grazie agli incredibili danni ecologici che riescono a procurare l’incuria e gli interessi economici che guidano troppo spesso l’azione dell’uomo. Soffermandosi ancora su di una questione che certamente tocca ciascuno di noi, ci si potrebbe dilungare discutendo dei livelli inquinamento che affettano l’aria che quotidianamente respiriamo, e delle purtroppo inefficienti soluzioni che concretamente vengono adottate per farvi fronte; e via dicendo. Ed è proprio di conseguenza alla vastità dei settori coinvolti che si presenta come necessario focalizzare l’attenzione su di essi in maniera individuale, al fine di analizzarne chirurgicamente la disciplina ed il modo in cui il diritto penale viene coinvolto per garantirla. Il settore dunque sul quale ho deciso di incentrare questa mia ricerca, a me particolarmente caro anche per motivi inerenti parte delle mie origini, è quello relativo alla tutela, sia a livello nazionale che regionale, del nostro patrimonio forestale e delle aree protette: ed è proprio in virtù della particolare vulnerabilità di dette zone, culle di preziosi ecosistemi e custodi di incredibili bellezze, che l’uomo deve concretamente adoperarsi in un’efficace opera di conservazione, per sé e per le future generazioni.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Ghelfi Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4547 click dal 14/09/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.