Skip to content

L’accordo TRIPS e l'accesso ai farmaci essenziali nei paesi in via di sviluppo

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Arcuri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia dei mercati internazionali e delle nuove tecnologie
  Relatore: Fabio Montobbio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

Quando nel 1998 trentanove case farmaceutiche intrapresero un’azione legale contro il governo sudafricano, pochi avrebbero sospettato che una specifica campagna nazionale contro l’HIV/AIDS sarebbe divenuta nell’arco di pochi anni “il caso” su cui l’opinione pubblica si sarebbe divisa. Eppure essa ha portato l’attenzione su temi enormemente complessi, inserendosi nel quadro più generale degli effetti della globalizzazione. Per comprendere meglio quanto accaduto, appare utile utilizzare alcuni dati provenienti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La questione del Sudafrica, analogamente a quella verificatasi in Brasile, ha portato alla ribalta un tema molto delicato, ed ha spinto opinione pubblica ed organizzazioni competenti a riflettere sugli effetti che l’esistente normativa internazionale in materia di tutela intellettuale ha sui PVS. Se nei paesi avanzati il sistema brevettale garantisce l’equilibrio tra accesso ai farmaci e incentivo all’innovazione attraverso un’efficiente definizione di durata ed ampiezza del brevetto, ciò può non verificarsi in paesi costretti a fronteggiare crisi sanitarie di enormi proporzioni e non abituate ad un sistema di protezione cosi stringente.Scopo del lavoro è dare una panoramica complessiva dell’attuale situazione; analizzare il ruolo del brevetto, la sua importanza nell’industria farmaceutica, gli accordi internazionali che hanno esteso la copertura brevettale a tutti i membri del WTO appare un presupposto fondamentale per passare poi alle conseguenze di tali decisioni sull’accessibilità e sul prezzo dei farmaci per i paesi in via di sviluppo. L’analisi si concentrerà poi sull’industria farmaceutica e sul peso degli accordi di protezione della proprietà intellettuale sul mancato accesso ai farmaci da parte di gran parte dei PVS. Particolare attenzione sarà data al caso dell’epidemia dell’AIDS in Africa. Lungi dal voler trovare soluzione ad un problema così complesso, riguardante leggi economiche, questioni etiche ed implicazioni di natura politica, il lavoro si conclude comunque con l’analisi di prospettive e possibili linee future di sviluppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Quando nel 1998 trentanove case farmaceutiche intrapresero un’azione legale contro il governo sudafricano, pochi avrebbero sospettato che una specifica campagna nazionale contro l’HIV/AIDS sarebbe divenuta nell’arco di pochi anni “il caso” su cui l’opinione pubblica si sarebbe divisa. Eppure essa ha portato l’attenzione su temi enormemente complessi, inserendosi nel quadro più generale degli effetti della globalizzazione. Per comprendere meglio quanto accaduto, appare utile utilizzare alcuni dati provenienti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il Sudafrica conta 4.2 milioni di malati di AIDS, cifra comprendente il 16% della popolazione adulta, il 23% delle donne in gravidanza, il 45% del personale militare, con oltre 5 mila morti l’anno per un totale di 400 mila persone morte tra il 1997 e il 2000. L’aspettativa media di vita è prevista in diminuzione dai 59 anni attuali ai 45 entro il 2010. 1 Il mancato accesso ai farmaci rappresenta l’ostacolo più importante, in Sud Africa solo lo 0,001% delle persone infette riceve il trattamento antiretrovirale. 2 Al di là di dati specifici, la situazione sudafricana riflette le drammatiche condizioni presenti nella maggior parte dei paesi dell’Africa sub-sahariana. Condizioni rese ancor più drammatiche dall’estrema selettività della malattia, che colpisce soprattutto la fascia d’età compresa tra i 16 e i 30 anni, quella, cioè, da cui dipende il processo di crescita sociale ed economica di ogni paese. Dalla capacità di contrastare l’estendersi del contagio dipende, quindi, il verificarsi della principale precondizione necessaria allo sviluppo di un intero continente: l’esistenza di una generazione futura. Data l’ampia diffusione della malattia e dato il ristretto budget sanitario del governo sudafricano, il successo di una strategia di controllo dipendeva essenzialmente dal contenimento del costo del trattamento medico ed, in particolare, del prezzo del pacchetto di farmaci antiretrovirali usati come cura. 1 www.ifpma.org. 2 www.pbs.org/newshour/bb/health/jan-june01/aids_02-21a.html.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi