Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sindrome del burnout: indagine e proposta di questionario sulle problematiche degli insegnanti di scuola primaria

È socialmente riconosciuto che la categoria professionale degli insegnanti è sottoposta a numerosi stress, dovuti a fattori personali e sociali, relazionali e relativi alla loro peculiare professione. Il burnout viene definito come una forma di stress interpersonale che comporta il distacco dall’utente, e la ricerca in esame si pone come scopo lo studio di questa sindrome e le problematiche affrontate maggiormente dagli insegnanti nel corso della loro professione: rapporti con colleghi, alunni, genitori degli alunni, istituzione scolastica e infine lo stress percepito dai docenti.
Metodo: si è somministrato un questionario a 228 insegnanti di 19 scuole primarie appartenenti alle Province di Reggio Emilia e Modena, prevalentemente di sesso femminile, con una media d’età di 42 anni.
Strumento: creato appositamente per la ricerca, somministrato in forma anonima ed autocompilato, consta di due questionari: il Maslach Burnout Inventory – forma Educatori – per la valutazione del livello di burnout, formato da 22 item, e il Questionario sul Burnout degli Insegnanti – costruito appositamente – composto di 56 item a risposta chiusa su scala Likert a 7 punti di frequenza.
Il QBI è suddiviso in 8 subscale: Realizzazione Lavorativa, Esaurimento Emotivo e Depersonalizzazione, rapporto con colleghi, con genitori, con alunni, con Istituzione Scolastica e scala di stress percepito. Il questionario inoltre consta di una sezione anagrafica.
Risultati: il campione si situa lungo una fascia di burnout “medio”. Piuttosto alti sono i punteggi di affidabilità e validità dello strumento QBI. Vi sarebbe una diminuzione di realizzazione lavorativa col passare degli anni di servizio; gli insegnanti precari e i supplenti sarebbero maggiormente distaccati nei confronti degli alunni; è stato rilevato un peggior rapporto con la burocrazia scolastica, soprattutto per quanto riguarda le scuole di provincia; chi dichiara di sentirsi maggiormente in burnout sarebbe meno realizzato dal proprio lavoro, avrebbe un elevato esaurimento emotivo, depersonalizzazione e stress maggiori, un rapporto conflittuale con alunni, genitori ed istituzione scolastica. Tra i Circoli Didattici presi in esame vi sono divergenze per quanto riguarda rapporto con alunni e scuola. Solo una parte del campione in esame è a conoscenza del fenomeno del burnout.
Conclusioni: sarebbe interessante allargare l’utilizzo dello strumento ad altre realtà scolastiche italiane, nonché esaminare eventuali differenze tra livelli scolastici. Correggere una situazione pericolosa per tutta la collettività che, ignara o non interessata della questione, affida sempre più la delega educativa all’istituzione scolastica, alla luce di questa ricerca, diviene d’importanza sempre maggiore.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La professione di insegnante di scuola primaria è negli ultimi decenni al centro di numerosi focus di attenzione, sia per quanto riguarda i cambiamenti legislativi, sociologici e di immagine, sia nell’ambito della ricerca psico- pedagogica. Benedetto Vertecchi ha recentemente scritto che questa è «una professione segnata per l’insieme delle condizioni che ne hanno accompagnato l’evoluzione attraverso il tempo, sempre ai margini, perché mai le è stata riconosciuta quella dignità che contraddistingue le altre professioni e che le rende apprezzabili, perché mai si è voluto riconoscere ai docenti di scuola la capacità di fare ricerca e di sperimentare, di imparare dall’esperienza, di accumulare altre conoscenze» (Toselli, 2003, p. 1). Questo è particolarmente vero in questo momento. L’incertezza rispetto alle prospettive della riforma (quali le finalità, le linee guida, il mandato della scuola); l’irregolarità e la scompostezza, che dura da anni, del processo riformatore (due leggi di riforma del sistema scolastico nel giro di pochi anni, ma di segno completamente opposto); le spinte contraddittorie dell’amministrazione (circolari sulla sperimentazione che si susseguono, smentendosi a vicenda); le peggiorate condizioni di lavoro (classi sempre più affollate, ore di lezione aumentate, taglio di risorse); le crescenti difficoltà di rapporto con gli studenti, sommati ai colpi che gli insegnanti hanno ricevuto in questi anni (la perdita del potere di acquisto e lo scadimento del valore sociale del loro ruolo), stanno polarizzando scontento e malessere sul modo di vivere e di fare scuola. Tanto più che di insegnanti si parla poco, e quando se ne parla non mancano ironia, sottovalutazione, pressappochismo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Corradini Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20598 click dal 05/10/2005.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.