Skip to content

Il microcredito: aspetti istituzionali ed economici

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Salvato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Bancaria
  Relatore: Donato Masciandaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

Introduzione


“Ogni persona ha diritto ad un livello di vita che garantisca la salute e il benessere dell’individuo e della sua famiglia, in particolare per quanto riguarda il cibo, il vestiario, la casa, l’assistenza medica e i servizi sociali necessari; essa ha diritto a essere garantita in caso di disoccupazione, malattia, inabilità, vedovanza, vecchiaia, e in mancanza di fonti di sopravvivenza per circostanze esterne alla sua volontà” .
Questo è quanto afferma la “dichiarazione universale dei diritti dell’uomo” , ma la realtà è a tutt’ oggi ben diversa.
I poveri sulla terra vengono stimati in 1 miliardo e 200 milioni di persone, i quali riescono a produrre “solo” l’1% del risparmio mondiale, la stessa fascia di popolazione riceve appena lo 0.2% del credito mondiale.
E’ come dire che 4 centesimi su 5 del risparmio dei poveri vengono prestati, dal sistema finanziario, ai più ricchi.
Partendo da questi fatti sono stato spinto ad approfondire l’argomento, sperando di trovare dei contesti sociali nei quali qualcuno fosse riuscito a cambiare, se non invertire, il senso delle cose.
Con grande stupore scopro che in un paese, come il Bangladesh, con una densità di popolazione molto elevata, 830 persone per chilometro quadrato (come dire che la popolazione dell’Inghilterra fosse confinata in una regione estesa come la Lombardia!); con il 90% della popolazione analfabeta; con il 40% della popolazione che non riesce a soddisfare i suoi bisogni alimentari minimi giornalieri; dove a causa della malnutrizione, peso e statura sono al di sotto della media mondiale , una persona ha avuto una geniale intuizione per aiutare gli indigenti concretamente, ovvero, accordare piccoli prestiti a persone che nullatenenti, non possono accedere alle fonti di finanziamento ordinarie. In questo modo, si soccorre chi ha bisogno non dandogli un pesce ma insegnandogli a pescare.
Il termine microcredito non esisteva prima degli anni 70, ora per gli addetti ai lavori è di uso comune. È riduttivo e inesatto dare a questo termine un significato univoco, perché si adatta a più interpretazioni, tutte ugualmente valide e calzanti per definire il principio del microcredito, ovvero, dare la possibilità a chi non può accedere al credito ordinario, a causa dell’inadeguatezza o assenza di garanzie reali o a causa delle dimensioni delle micro attività, ritenute troppo ridotte dalle banche tradizionali, di poter usufruire di finanziamenti di piccola entità necessari per la sopravvivenza quotidiana.
Fondamentale è, secondo Muhammad Yunus fondatore del microcredito, discernere le diverse categorie di microcredito, per poter arrivare alla formulazione di politiche corrette e alla creazione di istituzioni e metodi adatti a raggiungere lo scopo ultimo, che rimane sempre: dare accesso al credito ai più poveri.
Lo stesso professor Yunus suggerisce una classificazione piuttosto ampia, delle varie categorie di microcredito, al solo scopo di sintetizzare la situazione e dare un punto di partenza per poi poter sviluppare un efficiente programma di microcredito. In questa classificazione troviamo:
a) il microcredito tradizionale informale (ad esempio i prestiti da amici);
b) microcredito basato sui gruppi informali tradizionali (come Tontin, Su Su, Rosca, e altri);
c) microcredito Activity-based fatto attraverso banche specializzate o convenzionali (ad esempio il credito agricolo, credito artigiano etc.);
d) microcredito al consumo;
e) microcredito cooperativo;
f) microcredito fatto dalle organizzazioni non governative (ONG);
g) microcredito fatto da organizzazioni diverse dalle ong.
Si ribadisce che questa classificazione serve solo per avere un punto di partenza per l’analisi della situazione che necessita dell’aiuto dei programmi di microcredito.
Se si riescono ad identificare le varie categorie, quando poi si valutano i programmi adottati, si comprende quali hanno ottenuto buoni risultati che quindi catalizzeranno maggiori risorse, proprio perché efficienti; e si individueranno le categorie più in difficoltà che avranno bisogno di più sostegno e aiuto.
Tuttavia esiste un modello di microcredito di riferimento che è quello praticato dallo stesso professor Muhammad Yunus, attraverso la Grameen Bank (letteralmente banca del villaggio) da lui fondata nel 1976.
Il primo capitolo di questa tesi sarà dedicato alla definizione del modello di microcredito alla Grameen Bank.


















Capitolo 1
Il microcredito


1.1. Che cos’è il microcredito

Il microcredito è uno strumento di sviluppo economico, che permette alle persone povere ed emarginate di poter usufruire di servizi finanziari. Secondo i dati dell’ UNDP (United Nation Development Program) il 20% più ricco della popolazione mondiale ottiene il 95% del credito complessivamente erogato nel mondo. Nei paesi in via di sviluppo milioni di famiglie vivono con il reddito che traggono da attività

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione “Ogni persona ha diritto ad un livello di vita che garantisca la salute e il benessere dell’individuo e della sua famiglia, in particolare per quanto riguarda il cibo, il vestiario, la casa, l’assistenza medica e i servizi sociali necessari; essa ha diritto a essere garantita in caso di disoccupazione, malattia, inabilità, vedovanza, vecchiaia, e in mancanza di fonti di sopravvivenza per circostanze esterne alla sua volontà” . Questo è quanto afferma la “dichiarazione universale dei diritti dell’uomo” , ma la realtà è a tutt’ oggi ben diversa. I poveri sulla terra vengono stimati in 1 miliardo e 200 milioni di persone, i quali riescono a produrre “solo” l’1% del risparmio mondiale, la stessa fascia di popolazione riceve appena lo 0.2% del credito mondiale. E’ come dire che 4 centesimi su 5 del risparmio dei poveri vengono prestati, dal sistema finanziario, ai più ricchi. 1 1 Fonte: Altreconomia, Unicef. Approfondimento globalizzazione dei popoli/schede.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anno internazionale
microcredito
tsunami

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi