Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mock-documentary e la decostruzione del genere documentario

La caratteristica dei cosidetti finti documentari (o più precisamente mock-documentary, documentari beffardi, burloni con una non casuale sottolineatura sul carattere scherzoso e traditore del termine) è quella di utilizzare la “forma” del documentario per veicolare contenuti che “veri” non sono. In alte parole l’elemento di fiction viene trattato come se fosse un elemento reale, appartenente cioè a quella parte di realtà che è teoricamente possibile catturare con la macchina da presa o con la telecamera.
Ma qual è la forma del documentario?
O meglio quali sono le forme del documentario?
Quali sono le sue caratteristiche principali?
E’ una risposta complessa perché il cosidetto documentario non solo ha cambiato forma e aspirazioni nel corso degli anni, ma è ormai sempre più soggetto a un processo di contaminazione con la cosidetta fiction.
Nella presente tesi non cercheremo di dare una risposta diretta alle domande che ci siamo appena posti, ma procederemo in senso inverso: attraverso l’analisi di un gruppo particolare di mock-documentary individueremo le caratteristiche del documentario che vengono disattese e decostruite in questi testi.
Per inquadrare correttamente il problema ci avvaleremo del supporto di un testo importantissimo Faking it. Mock-documentary and the subversion of factuality .
Questo libro, oltre a tracciare un interessante percorso dal documentario al mock-documentary, avvalendosi del contributo dei più sagaci studiosi del genere, introduce e mette a disposizione dello studioso un altro importantissimo strumento: il mock grade, traducibile provvisoriamente in italiano come gradiente di finzione.
La traduzione è approssimativa perché l’aggettivo “mock” in inglese indica sì qualcosa di finto ma anche qualcosa di ironico, più vicino allo scherzo e alla trappola che alla mistificazione. E la caratteristica beffarda, oltre a quella decostruttiva è proprio quella fondante del mock-documentary che decostruisce il genere, attraverso una irresistibile ironia. Questa ironia non è una caratteristica accessoria ma fondamentale perché nasconde una sottintesa comunicazione con il pubblico. Il mock-documentary, infatti, è forse l’unico genere di “spettacolo” che pretende una partecipazione “attiva” del suo pubblico. Potremmo quindi affinare la nostra traduzione in livello d’ironia o meglio in livello di beffardia.
Jan Roscoe e Craig Hight individuano tre livelli di beffardia nell’analisi del mock-documentary: il primo livello (mock grade 1) è costituito dalla parodia e comprende la stragrande maggioranza dei testi, il secondo livello (mock grade 2) è caratterizzato dalla critica quei testi che operano una critica feroce alla comunicazione e spettacolarizzazione operata dai media.
Infine troviamo il livello più alto (il mock grade 3), dove secondo la studiosa australiana e lo studioso neozelandese si opera una vera e propria decostruzione del genere, capovolgendo completamente tutte i suoi elementi fondanti.
I testi con queste ultime caratteristiche sono molto rari, i tre più importanti sono Dave Holzman’s Diary (USA, 1967, 73’) di Jim Mc Bride, The falls (GB, 1980, 185’) di Peter Greenaway e Il cameramen e l’assassino (C’est arrivé près de chez vous, Belgio, 1992, 95’) di Remy Belvaux, André Bonzel e Benoît Poelvoorde..
Una volta analizzati questi tre testi fondamentali e aver estrapolato le loro caratteristiche di decostruzione tenteremo di portare la nostra analisi più avanti, aggiungendo qualcosa di nuovo a ciò che fin qui è stato detto.
Cercheremo cioè di individuare le caratteristiche di un nuovo genere che che a differenza degli altri possiede solo il nome di ciò che intende rappresentare, la realtà.
La struttura di questo lavoro sarà organizzata come segue; nel capitolo 1 verrà esposta una panoramica dei finti documentari, nel capitolo 2 si esporranno le recenti trasformazioni del documentraio e si introdurrà il concetto di mock grade, che sarà analizzato in dettaglio nel capitolo 3
Nel capitolo 4, saranno analizzati in tre testi prescelti e ne sarà proposto un quarto, ovvero Tribulation 99. Alien Anomalies Under America (USA, 1992, 48’) di Craig Baldwin Infine nel saranno esposte le conclusioni del lavoro, ovvero l’ipotesi che il mock-documentary in ultima analisi disveli la nascita di un nuovo genere proprio più che del cinema, dei mezzi di comunicazione di massa, vale a dire la realtà.
Seguirà una filmografia di tutti i finti documentari prodotti fino alla stesura della tesi e un’ appendice con un’ampia documentazione sulla trasmissione alla televisione neozelandese del mock-documentary Forgotten Silver di Peter Jackson, una rassegna stampa su Il cameramen e l’assassino all’epoca della sua uscita in Italia e il resoconto della corrispondeza via e-mail con Craig Hight per l’inserimento del film Tribulation 99. Alien Anomalies Under America tra i testi di categoria mock grade 3.

Mostra/Nascondi contenuto.
Luca Franco Il mock-documentary e la decostruzione del genere documentario 4 Introduzione La caratteristica dei cosidetti finti documentari (o più precisamente mock- documentary, documentari beffardi, burloni con una non casuale sottolineatura sul carattere scherzoso e traditore del termine) è quella di utilizzare la “forma” del documentario per veicolare contenuti che “veri” non sono. In alte parole l’elemento di fiction viene trattato come se fosse un elemento reale, appartenente cioè a quella parte di realtà che è teoricamente possibile catturare con la macchina da presa o con la telecamera. Ma qual è la forma del documentario? O meglio quali sono le forme del documentario? Quali sono le sue caratteristiche principali? E’ una risposta complessa perché il cosidetto documentario non solo ha cambiato forma e aspirazioni nel corso degli anni, ma è ormai sempre più soggetto a un processo di contaminazione con la cosidetta fiction. Nella presente tesi non cercheremo di dare una risposta diretta alle domande che ci siamo appena posti, ma procederemo in senso inverso: attraverso l’analisi di un gruppo particolare di mock-documentary individueremo le caratteristiche del documentario che vengono disattese e decostruite in questi testi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Franco Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7187 click dal 28/10/2005.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.