Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo a livello mondiale delle nanotecnologie

Le nanotecnologie costituiscono un nuovo approccio che si basa sulla comprensione e la conoscenza approfondita delle proprietà della materia su scala nanometrica: un nanometro (un miliardesimo di metro) corrisponde alla lunghezza di una piccola molecola. Il suffisso nano sta ad indicare materiali e strutture in cui almeno una dimensione sia inferiore a 100 nanometri. La data di nascita di tali tecnologie viene fatta risale al 29 dicembre del 1959 ad opera di Richard Feynman.
Le strade seguite per operare a livello nanometrico sono: l'approccio "top down" e quello "bottom up". Si distinguono tre aree principali in cui si opera a livello molecolare: i nano-materiali, la nano-elettronica e le nano-biotecnologie. La spesa pubblica per la R&S nelle nanotecnologie nei maggiori Paesi industrializzati è cresciuta rapidamente, passando da circa 400 milioni di US$ ad oltre 2 miliardi di US$.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Le nanotecnologie costituiscono un nuovo approccio che si basa sulla comprensione e la conoscenza approfondita delle proprietà della materia su scala nanometrica: un nanometro (un miliardesimo di metro) corrisponde alla lunghezza di una piccola molecola. Tali tecnologie hanno ormai conquistato una posizione centrale sulla scena della ricerca e dello sviluppo tecnologico mondiale. Persino il mondo del cinema e della letteratura si sono impadroniti delle nanotecnologie per le loro storie. Gli amanti della fantascienza ricorderanno certamente il film “Viaggio allucinante” (1966) – tratto da un romanzo di Asimov – in cui una navetta, piena di medici, percorreva i vasi sanguigni di un paziente per salvargli la vita. Nel suo libro “Preda”, lo scrittore americano Michael Crichton descrive sciami di nanorobot che cercano di sostituirsi agli esseri umani. Nanopillole capaci di scovare fra milioni di cellule sane quelle ammalate, che tramite un radar molecolare che intercetta specifici recettori proteici presenti sulla cellula tumorale, è in grado di distruggerle. Nanorobot che veicolano atomi radioattivi che, una volta penetrati nella cellula tumorale, liberano particelle ad elevato potere

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucia Lippiello Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5545 click dal 23/11/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.