Skip to content

L'Italie dans Le Monde

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Gualtieri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Nicola Tranfaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

La mia ricerca consiste nell’analisi della storia e degli avvenimenti politici italiani dell’ultimo decennio, dalla fine della cosiddetta Prima Repubblica fino all’inizio dell’attuale legislatura. Il punto di vista che ho scelto però è particolare perché esterno alla situazione italiana, ed è quello di un quotidiano francese. Le Monde, per la sua storia e per il suo nome costituisce in Europa, ma anche nel mondo, un punto di riferimento, un giornale di referenza.
Ho cercato innanzitutto di individuare un fil rouge che legasse l’esperienza italiana osservata da questa particolare angolazione. Ciò che è emerso in primo luogo è che l’Italia appare come un paese costantemente attraversato da crisi, in una stato di crisi permanente.
Una crisi che ha radici storiche, come il ritardo nel processo di democratizzazione, la predominanza dei partiti politici sulle istituzioni e la mancanza di alternanza al governo a causa dell’egemonia della democrazia cristiana, che faceva dell’Italia una “democrazia bloccata”.
Crisi messa ancor più in evidenza dall’inchiesta che nei primi anni novanta sconvolse il panorama politico italiano, Mani Pulite. E dai processi storici, come quelli a Bettino Craxi e a Giulio Andreotti, con cui si sarebbe dovuta archiviare definitivamente la Prima Repubblica.
Ma la crisi italiana si è invece “cristallizzata”, sostiene il quotidiano francese. Lo dimostra chiaramente la breve durata, sette mesi, del primo governo Berlusconi e il governo di transizione guidato da Lamberto Dini che ne è seguito.
Con le elezioni del 21 aprile 1996, invece, la fiducia dell’opinione pubblica francese sembra riconquistata. Per la prima volta, dopo 49 anni dalla costituzione della Repubblica, una coalizione di centro-sinistra va al governo in Italia. Romano Prodi è visto come l’uomo giusto al momento giusto, il politico moderato di cui ci si può fidare. Con il suo governo, e soprattutto con l’ingresso dell’Italia nel club dell’Euro tra i primi paesi, l’immagine del nostro paese viene risollevata non solo a livello europeo, ma anche internazionale. Ma dopo questa grande riforma il governo Prodi perde un po’ della sua ragion d’essere e ritorna, inevitabile, la crisi. Portata soprattutto dal difficile equilibrio tra gli interessi dei diversi partiti che compongono le coalizioni di governo.
A Massimo D’Alema, che arriva al potere nell’ottobre del 1998, non viene accordata la stessa fiducia. Innanzitutto perché D’Alema è un personaggio più controverso che Prodi, per le sue origini comuniste e sicuramente meno moderato. Inoltre perché il suo governo non è legittimato direttamente dagli elettori ma istituito dal Presidente della Repubblica. Presto anch’esso soffrirà della malattia della crisi politica, e dopo un nuovo governo di transizione, questa volta guidato da Giuliano Amato, arrivano in Italia nuove elezioni. Con la fine della legislatura del centro-sinistra gli elettori italiani sembrano perdre la bussola e anche la fiducia nella politica tradizionale. Lo dimostra la vittoria di un imprenditore e di un partito-impresa come Forza Italia. Le elezioni del 2001, con la vittoria del centro-destra, costituiscono un passo avanti del sistema politico italiano verso la bipolarizzazione e l’alternanza in una democrazia prima bloccata. Ma allo stesso tempo la figura del leader, Silvio Berlusconi, viene duramente contestata dal quotidiano. La causa principale sta essenzialmente nella linea editoriale adottata dall’attuale direzione del quotidiano, che denuncia esplicitamente ogni sorta di abuso di potere. In particolare la concentrazione di potere personale nelle mani di un’unica persona e ogni populismo e demagogia in politica. Silvio Berlusconi incarnerebbe perfettamente entrambe queste tendenze. Inoltre il suo monopolio nel campo dei media e il suo conflitto d’interessi irrisolto costituirebbero un serio pericolo per la democrazia italiana.
Per quanto riguarda l'approccio adottato dal quotidiano nei confronti della situazione italiana, ho notato che spesso è un approccio pedagogico, perché tende a trarre una lezione per la Francia dagli avvenimenti italiani. Il nostro paese costituirebbe infatti un perfetto esempio di laboratorio politico, da cui possono emergere modelli da imitare ma anche “mostri” da cui prendere le distanze. Una sorta di “dualismo contraddittorio”, come ha definito Jean Louis Briquet, professore all’università di Montpellier, il rapporto dell’opinione pubblica francese nei riguardi della realtà sociale e politica dell’Italia contemporanea: ne prende le distanze ma allo stesso tempo ne subisce tutto il fascino.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa Sul metrò di Parigi i parigini sono sempre dediti alla lettura, salgono anche solo per un momento e li si può vedere con un libro o un quotidiano in mano, che ci sia folla o musica, che siano seduti o in bilico sorreggendosi con la mano libera. E’ suggestivo, non distolgono lo sguardo per un solo attimo. Leggono, riflettono, si rilassano nella loro frenetica giornata cittadina. E in questo scorcio di vita si nota una presenza costante. E’ un quotidiano. E’ facile distinguerlo per i caratteri gotici del titolo, un titolo ambizioso: Le Monde. Allora per molti leggere il giornale è ancora indispensabile, è ancora un piacere a cui non si può rinunciare. Su quel metrò, per cinque mesi, ci sono salita anch’io. All’inizio ero disorientata. Poi sono entrata nel clima, ha comprato Le Monde e mi sono sentita una vera parigina. Tutte le mattine, sulla linea rossa della RER, verso l’università, aprivo il giornale e mi confondevo. Ma inevitabilmente la mia nazionalità emergeva. Le pagine dedicate all’estero, in particolare all’Europa, erano quelle che mi interessavano maggiormente. Mi chiedevo quale fosse l’immagine che diffondeva, un quotidiano così letto e così influente, del mio paese: l’Italia. Ho iniziato a farmi un’idea, ma l’argomento meritava un’analisi più approfondita. Sono andata allora a scovare i vecchi numeri, impressi su microfilm, negli archivi della biblioteca nazionale di Francia. Ecco cosa ho scoperto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

le monde
storia dei quotidiani europei
storia italiana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi