Skip to content

English as a lingua franca in Italian-Japanese business negotiation. A case study.

Informazioni tesi

  Autore: Paola Garino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Maria Teresa Prat Zagrebelsky
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 216

The aim of the present study is to investigate the nature of communicative misunderstandings between two specific opposite cultural models: the Italian and the Japanese one. I will try to find out the causes which contribute to generate these misunderstandings between Italian and Japanese people discovering that the main source of the communicative problems analysed seems to coincide in the measure these people adopt to avoid these kind of incomprehensions: the use of English as a neutral means of communication. The English language in fact, although it is used to make verbal interactions clearer, is the chief source of problems. To be more precise, this analysis of the above-mentioned communicative gap will focus on a very limited sphere of action: the business world. It will examine the difficulties Italian and Japanese companies have to face when they do business together. The idea for this topic was suggested to me by a stimulating course of study on business English and business Japanese, at the University of Turin. Another experience that was significant for this work has been the one-month homestay I took in Japan. This trip, organized in September 2002 in Kanazawa, the chief town of Ishikawa prefecture, offered me the chance to have a tangible confirmation of what I had studied. The most substantial part of the problems observed concerns the communication between these two countries and seems to be strictly linked to a superficial understanding of the other party’ s language and culture. The number of Italian companies doing business with Japan is growing rapidly and, especially in the last decades, Japan’ s interest for the Italian market and products has been rising significantly. A large number of Japanese boys and girls is taking a great interest in Italian culture; lots of courses that allow people to learn Italian are spreading and, every year, the number of Japanese people going to Italy on a journey is increasing. The growing number of contacts between Italy and Japan, especially at the business level, has put into evidence the great amount of discrepancies between these two (fundamentally opposite) cultures. This gap displays itself in a variety of aspects, not only in everyday life but also within the company. A selection of the most complex points will follow. Some of them will be analysed and explained in more detail at the end of the second chapter:
• the importance of business cards for Japanese people
• Italian directness versus Japanese ambiguity in expressing their thoughts
• Italian individualism versus Japanese conformism to the group
• the role of hierarchy which dominates every aspect of Japanese life
• the contrasting view of the written contract
• the concept of life-time employment in Japan and the role of the company which takes care of employees
• the different seating order in business meetings

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduction Nel ringraziare di un favore un suo professore di psichiatria Takeo Doi gli dice: “I’m sorry”, provocando, naturalmente, la perplessa risposta dell’americano: “What are you sorry for?”. La natura del problema è in rapporto – oltre che con la superficiale conoscenza della lingua inglese – con la struttura stessa della lingua giapponese, dove il soggetto che costruisce l’enunciato si caratterizza attraverso l’osservanza delle complessissime formule della cortesia. La trasgressione di tali formule implicherebbe non solo una maleducazione, ma anche un errore grammaticale poiché non consentirebbe di identificare adeguatamente il rapporto tra il soggetto e l’interlocutore. In questo frangente Takeo Doi si trova difatti alle prese con un problema di livello. In giapponese infatti egli non potrebbe rivolgersi a un superiore con un semplice “grazie” (dōmo arigatō) e, dunque, non può dire “thank you”; nella sua lingua egli dovrebbe formulare un grazie indicativo della sua condizione di subordinato (per es. dōmo sumimasen), che significa all’incirca l’ “essere obbligato”, l’avere acquisito un vincolo di riconoscenza e di dipendenza. Cercando di rendere in inglese questa sua posizione , che gli è imposta dalla sua educazione, ma anche dalla struttura della sua lingua, egli si dichiara spiacente, nella convinzione che ciò “abbasserà” il suo livello interlocutorio nella giusta misura. Oltre alla ovvia e immediata conseguenza che questo malinteso ha sulla comunicazione e sulla comunicazione intersoggettiva suscitando l’ incomprensione e la perplessità dell’americano, questo esempio dà avvio ad una riflessione sulla lingua e sul pensiero giapponese. 1 (Doi, 1991: 10-11). This quotation has been taken from the introduction by Jorge Canestri to the Italian edition of The anatomy of dependence (1981) by Takeo Doi. This book is a 1 Thanking his American psychiatry teacher for a favour, Takeo Doi says: “I’ m sorry” generating as a result the puzzled reply: “What are you sorry for?”. The root of the problem has to be looked for not only in the superficial knowledge of the English language but also in the structure of Japanese itself. The structure of this language, in fact, requires the subject of the sentence being characterized by the observance of complex rules of politeness. Neglecting this kind of formula would imply not only impoliteness, but it would be regarded as an authentic grammatical mistake because it does not allow identifying the subject-interlocutor relation properly. In this situation Takeo Doi is facing a problem of level. Speaking his language he wouldn’t be allowed to address his superior by saying: “Thank you” (dōmo arigatō). In Japanese he would be expected to use a formula, which expresses his subordinate status (for example dōmo sumimasen which means “to be obliged”, “to be bound by a tie of gratitude and dependence”). Consequently, he says he is sorry trying to convert into English his position, a position due to his education and to the Japanese language structure. By choosing this way of acting, he thinks he has lowered his level in the right way. Apart from the immediate and inevitable effects this misunderstanding had on communication (teacher’ s incomprehension and perplexity), this example constituted the starting point for an investigation into Japanese language and way of thinking (my translation).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lingua franca
sapir whorf -
linguistic
intercultural communication
japanese culture
japanese language

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi