Skip to content

Dall'arretratezza economica allo sviluppo: l'Abruzzo dal 1970 al 2001

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Perfetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Marco Cattini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 312

In questo lavoro si è analizzato il processo di crescita cha ha investito la regione Abruzzo a partire dagli anni ’70 ad oggi. L’analisi è stata svolta prendendo in considerazione le componenti principali attraverso le quali si è snodato il processo di crescita. Innanzitutto si è studiato il ruolo delle istituzioni nella programmazione economica e territoriale. In secondo luogo si è considerata la componente demografica e la sua evoluzione dall’iniziale processo di emigrazione, al rientro, all’urbanizzazione e pendolarismo fino all’attuale fenomeno dell’immigrazione. A seguito di ciò si è passati a svolgere un’analisi economica partendo dal Pil e dai valori aggiunti dei settori produttivi esaminati attraverso i dati Istat e osservando l’andamento degli aggregati macroeconomici che ne è conseguito..Infine il quadro è stato completato da un’analisi socio economica mettendo in risalto alcuni indicatori particolarmente significativi quali l’istruzione, la infrastrutture, le condizioni abitative, il mercato del lavoro e i mutamenti nella struttura dei consumi.
I risultati hanno mostrato una crescita globale e rapida che ha portato a un distacco dal resto delle regioni del Mezzogiorno e alla diminuzione del divario con le regioni del Nord, aprendo la strada ad uno sviluppo autopropulsivo e indipendente, non rintracciabile in alcuna tipologia modellistica ma con caratteristiche peculiari ravvisabili esclusivamente nella regione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
-Premessa- 1 Premessa a questione meridionale occupa da oltre trent’anni una posizione di primo piano nel dibattito sulle vicende economiche del paese. La discussione sulle caratteristiche del nostro sistema industriale , sulla sua fisionomia geografica ed evoluzione nel tempo, ha tradizionalmente messo in luce due aspetti di tale sistema, e cioè il dualismo della struttura produttiva e lo squilibrio tra le diverse aree, cioè tra il Nord industrializzato ed il Mezzogiorno molto depresso. Secondo A. Graziani, “fino al ’50 il dualismo si presentava esclusivamente in termini di alternativa tra agricoltura e industria e questo anche a livello territoriale: a Nord l’industria, al Sud l’agricoltura.Gli eventi economici degli ultimi trent’anni e la stessa politica d’intervento straordinario, hanno profondamente trasformato la struttura economica italiana, anche dal punto di vista della sua articolazione territoriale”. 1 “Dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi la crescita dell’economia meridionale è stata straordinaria: il reddito individuale è aumentato di oltre quattro volte.Tuttavia il divario con il Centro Nord è rimasto press’a poco invariato. Vanno tuttavia distinti tre gruppi di regioni, in ordine decrescente quanto al grado di sviluppo: per gli Abruzzi e il Molise per cui il divario era sceso dal 38 al 28 è poi risalito al 32,; per la Puglia, la Basilicata e la Sardegna era sceso da 42 a 38 ed è poi risalito a 42; mentre per la Campania, la Sicilia e la Calabria il divario è passato da 48 a 44, salendo poi da 44 a 49, nonostante le più favorevoli condizioni geografiche di queste ultime regioni allo sviluppo(…). D’altra parte, gli Abruzzi e il Molise e, in minor misura, la Puglia hanno avuto benefici dall’ ”effetto di contiguità” , ossia dai vantaggi economici originati dalla vicinanza di aree del centro, specialmente le Marche, che si andavano sviluppando a saggi 1 A. Graziani(a cura di) , L’economia italiana : 1945 –1970, Il Mulino, Bologna, pp.53-68. L

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi