Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Uscire dal collo di bottiglia. Crisi della biodiversità ed etica globale della Terra

Edward O. Wilson – biologo di Harvad - ha stimato che il nostro pianeta sta perdendo circa 30.000 specie viventi all’anno, cioè tre specie all’ora. Anche se il numero totale di specie viventi sulla Terra non è noto, sicuramente la maggior parte scomparirà nei prossimi mille anni se il tasso di perdita rimarrà invariato. Tale fenomeno è noto come “crisi della biodiversità” o Sesta estinzione, così chiamata perché ha molti aspetti in comune con le precedenti estinzioni di massa avvenute durante la storia geologica del nostro pianeta. Tuttavia, diversamente dalle cinque estinzioni di massa del passato, questa non è causata da corpi celesti, comete, o mutamenti climatici, bensì dal comportamento e dallo stile di vita di un’unica specie: Homo sapiens. L’essere umano moderno abbatte le foreste, ara le praterie, cementifica i paesaggi, costruisce città, sfrutta in modo esagerato le risorse naturali. Inquina fiumi, laghi, oceani; sposta da una parte all’altra del pianeta microbi, piante e animali, spesso danneggiando le specie locali.
Tuttavia anche l’uomo – come ogni altra specie vivente - ha bisogno di quelle funzioni indispensabili che solamente ecosistemi sani e incontaminati possono offrire (come l’ossigeno e l’aria pulita, l’acqua potabile, il cibo, i medicinali). Inoltre il mondo naturale è il luogo dal quale veniamo: è una parte di noi stessi, e noi ne siamo parte.
Fermare il fenomeno della Sesta estinzione è difficile, ma non impossibile. Se l’essere umano ha davvero la capacità di percepire l’immenso valore che la biodiversità ha per l’intero pianeta e per la sopravvivenza della sua specie, ha il dovere e il compito di salvaguardare il mondo naturale intervenendo concretamente, dalle decisioni quotidiane del singolo individuo alla collaborazione tra settore privato, governo, scienza e tecnologia.
Il presente lavoro si avvale del supporto di varie discipline: antropologia, archeologia, biologia, botanica, chimica, climatologia, diritto, ecologia, economia, etnologia, filosofia, genetica, medicina, meteorologia, microbiologia, paleontologia, pedagogia, psicologia, sistematica, teologia, zoologia. Questi campi del sapere sono accomunati da una prospettiva globale e sistemica nel considerare il problema della perdita della biodiversità terrestre e le possibili soluzioni in merito. In particolare si fa riferimento alle opere principali di Niles Eldredge, Edward O. Wilson, Richard Leaky, Roger Lewin, James Lovelock e altri studiosi, oltre al supporto di numerosi articoli tratti da alcune delle più autorevoli riviste scientifiche (come “Science”, “Nature”, “Conservation Biology”), stampa accademica e istituti di ricerca, organizzazioni e istituzioni governative e non governative.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il mondo fu disegnato da un compasso che ora tira le righe. In un minuto fineinizio Esattamente ore 15.33. Anche oggi il mondo sta finendo. Ma l’ora che separa la funzione dell’umanità è rimandata. Accade qualcosa. Dal fondo della terra un ragno rosaceleste tiene per mano il confine di una quercia. Salvezza improvvisa. Sui bordi della terra il veleno riordina il suo io. La mente inizia a moltiplicare lo spazio. Da tutti i continenti l’aria converte il pensiero in acqua. L’uomo ferma nello stomaco il battito… Per tre giorni e tre notti si nutrirà del proprio udito… Orchestre intere di corpi di ogni peso e nazione cantanogrido: Non siamo soli nella veste della terra. Un’altra voce inumana si fa parola… Dio non è mai esistito; Dio dovrebbe nascere adesso. Dio non è Africano; Dio è quel gomito di madre senza cuore. Non può la ragione diventare la bilancia della follia. Terra sepolta nella vendemmia dell’uomo. Esattamente alle 15.34 un nuovo mondo era nato. (Roberto Dossi)

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Enrico Ponzoni Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4573 click dal 21/12/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.