Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione e Controllo di Polizze Index-Linked

Le polizze index-linked (i-l) sono prodotti di ramo III del settore assicurativo Vita. Nell’ultimo triennio, la raccolta del ramo III ha rappresentato circa il cinquanta per cento dei premi del settore Vita; le polizze i-l a loro volta rappresentano più della metà della raccolta del ramo III (sessantadue per cento nel duemilaquattro, sessantasei percento nei
primi otto mesi del duemilacinque, con una raccolta per 13.342.268 migliaia di euro). Le indicizzazioni delle prestazioni delle polizze i-l sono molteplici e in rapida evoluzione rispetto agli altri tipi di polizze: sono osservabili sul mercato polizze i-l caratterizzate da prestazioni che dipendono da quasi tutti i tipi di opzioni (solitamente europee) esistenti
che possono presentarsi in modo combinato, con l’aggiunta di minimi, massimi e fattori di abbattimento dei rendimenti; inoltre è possibile osservare indicizzazioni che contengono clausole di “conversione” della prestazione (a esempio da “indicizzata” a “deterministica”).
L'“Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo” (Isvap) ha contribuito in modo rilevante all’inserimento in un quadro “regolamentato” delle polizze i-l. Ha affrontato tutti gli aspetti chiave, dalla progettazione, alla commercializzazione, al controllo. In particolare ha dato disposizioni in materia di scelta degli indici azionari e degli altri valori di riferimento; di trasparenza dell’informativa precontrattuale e contrattuale; di sicurezza e negoziabilità degli attivi a copertura delle riserve tecniche. L’obiettivo di questa tesi è lo studio delle polizze i-l dai punti di vista attuariale e finanziario con particolare
attenzione alla valutazione e al controllo dell’attivo sottostante, attraverso: l’individuazione del quadro normativo di riferimento e la definizione delle grandezze necessarie alla valutazione e al controllo delle polizze i-l, dal punto di vista attuariale e finanziario, tra le quali il valore
intrinseco; l’individuazione dei principali obiettivi del controllo dando rilevanza alla significatività dell’analisi separata delle componenti deterministiche e delle componenti aleatorie di un contratto strutturato e analizzando i rischi significativi che derivano dall’investimento in una polizza i-l, sia dal lato dell’assicuratore sia dal lato dell’assicurato;
l’impostazione del problema della valutazione dell’attivo sottostante (procedura di valutazione, lineamenti del modello di mercato, metodo Monte Carlo, valutazione del rischio di controparte); la descrizione del mercato italiano delle polizze i-l nell’ultimo triennio integrata da “esercizi” che tentano di “interpretare” l’evoluzione dei tipi di indicizzazione in relazione all’andamento dei tassi di interesse. A conclusione del lavoro è proposta un’applicazione che analizza un campione di polizze i-l rappresentativo mercato italiano attuale, con il duplice obiettivo di mettere in atto un processo di valutazione ispirato alle disposizioni Isvap e di investigare, attraverso analisi di sensitività, l’effetto sul valore dei parametri caratteristici dei modelli di valutazione utilizzati. Sono stati utilizzati modelli “alla Black e Scholes”, identificati con strutture dei tassi di interesse a pronti risk free, volatilità (e correlazioni) storiche e tassi di dividendo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Le polizze index-linked: aspetti definitori, quadro normativo 1.1 I riferimenti alla normativa In questo lavoro si prenderanno a riferimento principalmente i contributi dell’“Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo” (Isvap). Nel corso dell’ultimo lustro Isvap ha contribuito in modo rilevante all’inserimento in un quadro “regolamentato” delle polizze index-linked. Ha affrontato tutti gli aspetti chiave, dalla progettazione, alla commercializzazione, al controllo. In particolare ha dato disposizioni in materia di scel- ta degli indici azionari e degli altri valori di riferimento; di trasparenza dell’informativa precontrattuale e contrattuale; di sicurezza e negoziabilita` degli attivi a copertura delle riserve tecniche. I documenti di riferimento principali sono le circolari n. 451/D del 2001, n. 507/D del 2003, n. 551/D del 2005. 1.2 Definire una polizza index-linked Le assicurazioni index-linked (i-l) sono forme assicurative solitamente miste e a premio unico. Se non diversamente specificato, nel seguito si parlera` di “polizza i-l” intendendo una forma assicurativa mista, a premio unico (l’assicurato paga un premio unico Π al tempo 0). Si indichi con Ft il valore di mercato al tempo t di un indice di riferimento. Tipicamente, l’indice “misura” andamenti del mercato finanziario (prezzi azionari, tassi di cambio, tassi di interesse), andamenti reali (indici dei prezzi al consumo), andamenti dei prezzi di materie prime. Siano ΦV(0, n) e ΦM(0, n) funzioni prefissate del valore assunto dall’indice di riferimento in

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Alessio Fella Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4746 click dal 24/03/2006.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.