Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sulla Coerenza del Margine di Solvibilità della CC&G

La tesi tratta del mercato finanziario italiano, in particolare il mercato dei derivati.
Prerogativa dei mercati finanziari su strumenti derivati è l’esistenza di un soggetto specifico, definito Clearing House. La possibilità di creare un contratto, che sarà concluso a termine e non sul mercato a pronti, pone grossi problemi sull’insolvibilità di una delle parti, nel caso la situazione del mercato non sia favorevole per la conclusione dello contratto. Nei mercati regolamentati, si è risolto questo problema con l’istituzione di un ente che ha come funzione principale garantire la conclusione dei contratti sottoscritti, chiamato appunto Clearing House.
Questa soggetto si presta nei confronti degli operatori come controparte in ogni contratto. Il fatto che ogni negoziazione abbia come controparte uno stesso contraente non solo ha portato alla creazione di contratti omogenei, ma ha anche semplificato notevolmente le esecuzioni delle trattazioni. Da qui si deducono le due funzioni principali della Clearing House:
1) Garantire il buon fine dei contratti stipulati sul mercato
2)Semplificare notevolmente il numero e la mole dei rapporti negoziali, che giorno per giorno si sovrappongono; e ridurre gli oneri amministrativi che caratterizzano un contratto derivato
Il funzionamento di quest’organo si basa su un precisa procedura di svolgimento delle contrattazioni, articolata su tre punti:
1)Possesso di particolari requisiti da parte degli aderenti
2)Creazione di Fondi per la tutela dei contraenti
3)Versamento di margini per tutte le posizioni possedute sul mercato
La CC&G gestisce appositi fondi di garanzia dei contratti che garantiscono il buon fine dei contratti. I Fondi esistenti sono diversi, n’esiste uno per ogni tipologia di strumento. Ogni partecipante alle negoziazioni su strumenti finanziari di uno specifico mercato è tenuto a versare i contributi del Fondo che garantisce quei particolari contratti. L’ammontare complessivo dei Fondi è ripartito tra i partecipanti diretti sulla base della media dei Margini Iniziali, dovuti in un dato periodo precedente (orientativamente due mesi). Il versamento richiesto non potrà essere inferiore a quello minimo prestabilito.
Per salvaguardare e garantire l'integrità del mercato, la Cassa gestisce il "rischio" utilizzando il sistema di garanzie TIMS (Theoretical Intermarket Margin System),sviluppato da The Options Clearing Corporation di Chicago. TIMS si basa su una teoria avanzata di portafoglio calcolando i margini su tutte le posizioni relative allo stesso prodotto sottostante ed aggrega e calcola il rischio relativo ai prodotti statisticamente correlati in un portafoglio integrato.
L’analisi del portafoglio integrato porta alla verifica dello stesso considerandolo come variabile causale, come misura del rischio finanziario.
Con queste premesse, l’oggetto base del nostro studio dovrà essere una variabile casuale sugli stati del mondo, interpretati come valori futuri di posizioni tenute in portafoglio.
Inoltre gli assiomi e le caratteristiche che presenteremo non definiranno una misura di rischio univoca, ma saranno considerazioni fondamentali per la scelta di varie grandezze che possano misurare il rischio economico e più in particolare il rischio finanziari.
L’analisi empirica si farà simulando esempi di portafogli di strumenti finanziari derivati, opportunamente scelti, su cui sarà calcolato il margine. Si confronteranno i risultati delle simulazioni e si verificherà se i quattro assiomi che definiscono una misura di rischio coerente siano soddisfatti:
1- Assioma T, o dell’invarianza di traslazione.
2- Assioma S sulla subadditività delle misure di rischio
3- Omogeneità positiva del margine di solvibilità
4- Monotonia del Margine di solvibilità

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Se due investitori entrano in contatto l’uno con l’altro, direttamente, e si mettono d’accordo per scambiarsi in futuro un’attività per un certo prezzo, ci sono rischi evidenti. Uno degli investitori può rammaricarsi dell’impegno preso e cercare di non rispettarlo. Oppure, semplicemente, può non avere le risorse finanziarie per onorarlo. Il ruolo chiave della Borsa è quello di organizzare le negoziazioni, non solo deve essere un luogo d’incontro fra la domanda e l’offerta, ma spetta ad essa il compito di tutelare gli investitori contro l’insolvenza delle controparti. Un mercato più affidabile, più sicuro è un mercato meno rischioso. Se gli operatori hanno fiducia nell’istituzione, investiranno di più e le contrattazioni aumenteranno. Tra i tipi di contratti scambiati in Borsa, i derivati hanno avuto un’importanza sempre maggiore nel mondo della finanza. Essi sono usati per molteplici scopi e di conseguenza la loro vita è regolata da un gran 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Crescenzi Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1218 click dal 28/03/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.