Skip to content

Il Value at Risk: metodologia e applicazione in modelli di decisione

Informazioni tesi

  Autore: Denis Errica
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Erio Castagnoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Negli ultimi anni gli studi condotti sul Value at Risk hanno principalmente seguito due direzioni. Da un lato si sono cercati metodi di stima sempre più rispondenti alle situazioni empiriche del mercato, dall’altro la ricerca si è orientata su nuovi impieghi del VaR. A tal proposito si sono ottenuti risultati significativi nello sviluppo dei metodi di allocazione delle risorse: esso non è più visto come semplice strumento di valutazione del rischio, poiché può essere impiegato anche a livello gestionale. In particolare, l’analisi del VaR si è orientata all’utilizzo sia come singolo strumento, sia entro un modello più complesso, ottenendo come risultati la scomposizione del VaR in unità elementari di rischio. In tale ambito si analizza il contributo d’ogni singola posizione alla rischiosità complessiva di portafoglio e le applicazioni nell’ambito di modelli decisionali, come l’utilità non attesa o la selezione di portafoglio.
Per quel che concerne la trattazione del VaR come strumento gestionale si è fatto riferimento alle teorie sull’avversione al rischio degli individui, che hanno evidenziato la congruenza del VaR a concetti quali la dominanza stocastica o altri più particolari, come il Left Monotone Mean Preserving Increase in Risk. Questo ha permesso di valutarne la bontà all’interno del modello di selezione del portafoglio di Markowitz.
Il VaR ha però evidenziato problemi di scomposizione in unità elementari di rischio, in quanto non si può risalire alle singole attribuzioni partendo dal semplice valore finale. Tale impedimento è stato però superato grazie agli sviluppi dei concetti introdotti da Garman che, attraverso un metodo di linearizzazione delle posizioni finanziarie ha permesso questa scomposizione. La stretta connessione tra quest’ultimo approccio e i modelli fattoriali ha quindi permesso uno studio comparato del VaR in ambito CAPM.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE L’era moderna di “risk management” sulle posizioni in valuta straniera ha inizio nel 1973. In quell’anno ci furono due avvenimenti importanti: • Il crollo della parità fissa dei tassi di cambio sancita con gli accordi di Bretton Woods; • La pubblicazione del lavoro di Black-Scholes sul pricing delle opzioni. A fronte della pressione speculativa innescata dal deficit del bilancio USA, in seguito ai consistenti deflussi di capitali statunitensi in Europa (principalmente per investimenti) e l'accendersi dell'inflazione americana per i costi della guerra in Vietnam, la convertibilità in oro della moneta statunitense fu sospesa nel 1971. Il dollaro fu svalutato del 9 per cento in dicembre e di un altro 10 per cento nel 1973. Tali turbolenze indussero i paesi industrializzati a lasciare le proprie monete libere di oscillare, dando vita a un sistema di cambi a fluttuazione amministrata. Tutto ciò diede l’impulso a trovare strumenti per la misurazione e la gestione della rischiosità e i concetti introdotti da Black-Scholes fornirono le indicazioni per iniziare una nuova epoca, i cui capisaldi diventarono, per l’appunto, la misurazione e la gestione del rischio. A partire dal 1973, si assistette al proliferare di numerosi strumenti finanziari derivati, creati per ridurre il rischio insito nell’elevata volatilità dei tassi di cambio e d’interesse. Tuttavia, ciò contribuì a rendere più difficile la quantificazione e la qualificazione del rischio, aumentando, quindi, la necessità di trovare misure di rischiosità dei portafogli. Tra queste il Value at Risk si è fin da subito rivelato uno strumento di primaria importanza e ancora oggi riveste un ruolo di assoluto primo piano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avversione al rischio
capm
dominanza stocastica
frontiera efficiente
harry markowitz
rischio
riskmetrics
value at risk
var
volatilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi