Skip to content

Metodologie di valutazione della qualità del bioaerosol in ambienti confinati

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Pilato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Tecniche di Laboratorio Biomedico
  Relatore: Angela Del Vecchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

L’OMS e il Ministero della Salute italiano hanno dato grande rilevanza al problema dell’inquinamento biologico indoor, in quanto la maggior parte della popolazione trascorre molto tempo in ambienti confinati.
La ricerca delle endotossine aerodisperse rappresenta una tappa importante nella determinazione della qualità microbiologica dell’aria indoor, poiché l’esposizione ad elevate concentrazioni svolge un ruolo preponderante nella Sick building Syndrome.
Obiettivo del lavoro è stato quello di determinare i parametri microclimatici, la concentrazione batterica e confrontarli con la concentrazione di endotossine utilizzando un metodo di campionamento originale.
Sono stati studiati allevamenti suini, uffici e abitazioni private.
I dati evidenziano come la concentrazione endotossinica superi quasi costantemente i limiti considerati soglia di rischio (50 EU/ m3 - rapporto tecnico n° 1990/O3WGD) per i lavoratori che permangano più ore lavorative in ambienti chiusi.
Per quanto riguarda la correlazione tra i parametri, i risultati fanno presupporre una correlazione inversa tra concentrazione endotossinica e UR%. Più complessa è la relazione con le forme vegetative: infatti, al variare di concentrazioni batteriche vitali tra 102 e 106 la concentrazione di endotossine non varia in modo significativo. I nostri risultati evidenziano come la situazione degli uffici sia estremamente grave e ciò rende indispensabile controlli ripetuti nel tempo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione. La teoria dei miasmi, formulata da Ippocrate nel IV secolo a.C. nell'isola di Coo, ha tenuto banco fino alla comparsa sulla scena di Luigi Pasteur, nella seconda metà del 1800. Esprimeva la sensazione che l'aria fosse in molte occasioni portatrice di morte a causa di veleni trasportati ovunque dal vento. Dal 1800 questa teoria è diventata certezza. I veleni trasportati dall'aria sono davanti a noi: identificati, catalogati, quantificati. In questo ambito i microrganismi occupano un posto del tutto particolare. Negli ultimi decenni l'attenzione verso i danni che i germi aerogeni possono provocare è andata crescendo e si sono approntati strumenti per valutare il rischio e per combatterlo. La tematica si è imposta per la prima volta negli anni '50 con la nascita dell'industria nucleare e degli impianti di produzione degli antibiotici. Negli anni '60 la NASA, sotto lo stimolo dei danni derivanti alla produzione di microprocessori utilizzati per i voli spaziali da particelle inerti sospese nell'aria ma sedimentabili, ha approfondito il tema ed ha formulato tecniche di prevenzione e metodi di misura del rischio. Di conseguenza negli USA, durante gli anni '60, sono stati messi a punto sistemi di rilevazione e classi di contaminazione, come standard federali (FS), che sono poi servite da base per le successive normative nei vari paesi. Dalla misura delle particelle inerti si è ben presto passati alla misura dei microrganismi aerogeni vivi, nei punti nei quali sono capaci di dar luogo ad infezioni o contaminazioni gravi. E' evidente che il primo luogo dove si sviluppata la ricerca di questo particolare aspetto è stato l'ospedale. Tuttavia con l'andare del tempo si è assunta la consapevolezza che nei paesi industrializzati la popolazione passa la maggior parte del proprio tempo (fino al 90%) in ambienti confinati e chiusi (abitazioni, uffici, mezzi di trasporto, edifici ad uso ricreativo) e che ciò comporta una sempre maggior diffusione di patologie e di condizioni di malessere generale connesse alla prolungata permanenza in ambienti chiusi. Per tali motivi si è giunti alla promulgazione di leggi finalizzate a preservare la salute degli addetti nei loro ambienti lavorativi. Ne sono un esempio la 626/94 e la 242/96; queste leggi hanno introdotto l’obbligo di valutare e di provvedere alla prevenzione dei rischi derivanti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

endotossine
indoor
qualità microbiologica aria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi