Skip to content

Effetti dell’inquinamento atmosferico da ozono sulla qualità dei prodotti: il caso della Mentha spicata

Informazioni tesi

  Autore: Eddi Lazzerini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Scienze e tecnologie farmaceutiche
  Relatore: Cristina Nali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

L’ozono (O3) è un gas tossico, di colore bluastro, costituito da molecole instabili formate da tre atomi di ossigeno; queste si scindono facilmente liberando ossigeno molecolare (O2) ed un atomo di ossigeno estremamente reattivo (O3 → O2+O). Per queste sue caratteristiche, l’O3 è quindi, un energico ossidante in grado di demolire materiali sia organici che inorganici.
L’O3 è presente per più del 90% nella stratosfera (la fascia dell’atmosfera che va dai 10 ai 50 km di altezza), dove viene prodotto dall’O2 per azione dei raggi ultravioletti solari (“meccanismo di Chapman”), costituendo una fascia protettiva nei confronti delle radiazioni UV generate dal Sole.
Scopo di questo lavoro è stato di valutare gli effetti del trattamento con O3 su piante di Mentha spicata subsp. glabrata, in confronto con altre coltivate nelle stesse condizioni climatiche, ma esposte ad aria filtrata. La valutazione delle possibili alterazioni indotte dal trattamento prolungato per 21 giorni su alcuni parametri di natura fisiologica e biochimica è stata condotta tramite: analisi dei parametri degli scambi gassosi e della fluorescenza della clorofilla a, determinazione del contenuto relativo in clorofilla, variazione della conducibilità elettrica, contenuto idrico relativo, controllo dell’emissione della frazione volatile, resa in olio essenziale e analisi quali-quantitativa dei suoi costituenti. Si è cercato quindi di analizzare il range di risposta, a seguito dello stress da O3, che caratterizza le piante di Mentha spicata valutando i possibili danni subliminali (non visibili) a carico sia del processo fotosintetico che del metabolismo secondario.
GRAZIE E BUONA LETTURA

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. Premessa Fin dagli albori, l'essere umano ha cercato nella natura il rimedio ad ogni suo male, inizialmente in modo empirico, evolvendo poi metodi sempre più razionali e scientifici. Sono molte le civiltà che ricorsero a medicamenti di origine sia vegetale che animale: Egizi, Greci, Romani e, in particolare, gli Arabi, tramite l'alchimia, maturarono una profonda conoscenza delle proprietà farmacologiche delle piante. Le prime notizie (provenienti dall’India) sull'utilizzo di erbe a scopo curativo risalgono a 10.000 anni fa; tuttavia, i più antichi scritti sull’argomento appartengono alla civiltà cinese: l'Erbario di Shên Nung (circa 2700 a.C.), annovera ben 360 droghe. Documenti di rilievo sono i papiri egiziani di Ebers e di Smith (intorno al 1600 a.C.), che descrivono 160 piante medicamentose, tra cui l'oppio e il ricino; gli Egizi conoscevano più di 700 forme di rimedi naturali, sia vegetali che animali. Sono da segnalare anche: i libri sacri della civiltà indiana (1000-800 a.C.), che elencano oltre 800 droghe medicinali; alcune tavolette cuneiformi della civiltà Assiro-Babilonese, tra cui quella di Assurbanipal che menziona, tra le altre, la belladonna, la canapa indiana, l'oppio e la cassia; la Bibbia, che ha tramandato l'uso, da parte degli Ebrei, di piante come l'issopo e il cedro per curare le malattie; il primo trattato sistematico di botanica farmaceutica, “De historia plantarum”, è del periodo greco e fu scritto da Teofrasto, mentre quelli di farmacognosia e di farmacoterapia, compaiono solo in epoca romana. In essi, i farmaci non vengono più riportati sotto forma di semplici elenchi o in appendice alle malattie, come negli scritti di Ippocrate, ma secondo criteri descrittivi, con riferimenti all'uso, agli effetti utili o dannosi, al dosaggio e alle modalità di somministrazione. Tra le più significative opere di questa epoca vanno ricordate: “De medicina” di Celso (18 d.C.); “De materia medica”, opera in cinque volumi di Pedanio Dioscoride Anazarbeo (secolo I d.C.); “Naturalis historia”, di Plinio il Vecchio (23-79) in 37 libri; “Methodus medendi”, di Claudio Galeno (129-201).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

effetti dell’inquinamento atmosferico da ozono
inquinamento da ozono
meccanismo di chapman
menta spicata
mentha spicata subs. glabrata
metabolismo secondario
ozono
radiazioni uv
stress abiotici
stress da ozono

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi