Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Zygmunt Bauman: modificazioni dello spazio-tempo e nuove polarizzazioni. Una lettura dei processi di globalizzazione

Questo lavoro di tesi fornisce una lettura ed una interpretazione dei processi di globalizzazione in base all'analisi che di questi ne offre Zygmunt Bauman. La chiave interpretativa del punto di vista baumaniano sulla globalizzazione è rintracciabile nelle modificazioni che hanno investito le due dimensioni dello spazio e del tempo, come risulta dalle pratiche sociali divenute oggi dominanti, evidenziate dallo stesso Bauman (consumare, viagggiare, comunicare, ecc.). A partire quindi dall'analisi dei mutamenti spazio-temporali che hanno investito le nostre società globalizzate e delle espressioni con cui oggi molti commentatori traducono tali modificazioni (dai "nonluoghi" di M. Augé, allo "spazio dei flussi" di M. Castells, fino all'ormai nota "compressione spazio-temporale" di D. Harvey), vengono dedotte tutta una serie di conseguenze che, per Bauman, riguardano l'emergere di nuove gerarchie sociali, di diverse tipologie di comunità e, in sostanza, di un profondo processo dissolutivo delle strutture fondamentali della modernità (classi sociali, stati-nazione, sindacati, ecc.). Il termine "globalizzazione", nel corso della tesi, prende forma in riferimento a processi molto concreti che, per quanto abbiano origine nelle macrostrutture delle tecnologie informatiche, dei trasporti ad alta velocità e del nuovo capitalismo flessibile, discendono gradualmente fino ad investire la dimensione micro dell'esperienza individuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’oggetto di questo lavoro consiste nella ricostruzione e nella valutazione della lettura dei processi di globalizzazione offerta dall’opera di Zygmunt Bauman. La vastità crescente della letteratura critica sui processi di globalizzazione rende innanzitutto necessario definire, almeno a grandi linee, la collocazione di Bauman all’interno di questo campo teorico. Tale definizione permetterà, inoltre, di individuare alcuni tratti distintivi della sua analisi. Il termine “globalizzazione” si è affermato nella letteratura economica, politica, sociologica e filosofica a partire dall’ultimo decennio del secolo scorso, in particolare nell’ambito culturale dell’Occidente. Se dividiamo schematicamente tale letteratura in base a tre criteri di ordinamento, che possiamo indicare come temporale, apologetico/critico, macro/micro, otteniamo alcune partizioni già abbastanza significative. Il criterio temporale distingue le diverse trattazioni in base al periodo a cui viene fatto risalire l’inizio della globalizzazione. Rispetto alle posizioni, per così dire, continuiste, che interpretano la globalizzazione come la prosecuzione di processi che hanno origine nelle scoperte geografiche del Rinascimento europeo e che si consolidano con lo sviluppo dei commerci intercontinentali (ad esempio, Amartya Sen 1 ) e del colonialismo (ad esempio, i «Subaltern Studies»), l’indagine di Bauman si differenzia in quanto associa la globalizzazione a processi recenti che, dalla loro apparizione, cambiano radicalmente la fisionomia della società. Anche se non viene mai indicata una precisa data d’inizio, si comprende facilmente che si tratta di processi connessi agli sviluppi che hanno segnato il passaggio dal capitalismo di stampo fordista all’attuale modello flessibile, e agli eventi che sono seguiti al collasso dei regimi comunisti dell’Est europeo. In questo senso, la globalizzazione rappresenta una «Grande trasformazione», una svolta epocale che distingue un prima e un dopo e può dunque considerarsi un novum. 1 Cfr., A. SEN, Globalizzazione e libertà, Mondadori, Milano, 2002.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Soili Milan Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10108 click dal 13/04/2006.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.