Skip to content

Ricerca e sviluppo di tecnologie di bonifica di siti contaminati: Valutazione chimica e biologica dell'idoneità di alcuni ammendanti nel ridurre la tossicità dei metalli pesanti in suoli contaminati.

Informazioni tesi

  Autore: Margherita Silvetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e Tecnologie Agrarie
  Relatore: Pietro Melis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

In Sardegna l’attività mineraria è stata la maggior responsabile della contaminazione ambientale da metalli pesanti i quali rappresentano un problema che interessa vasti territori del centro e del sud Sardegna dove fino agli anni 60 l’attività mineraria era il più importante motore di sviluppo dell’economia e dell’industria. La zona maggiormente interessata a tali attività è quella del Sulcis-Iglesiente, zona in cui si estraevano la sphalerite (solfuro di zinco) e la galena(solfuro di piombo).
La cessazione di tali attività, negli anni ’80, ha lasciato come eredità una grande quantità di rifiuti di trattamento abbandonati senza misure di protezione, lasciandoli così soggetti all’azione battente dell’acqua che ha determinato l’erosione, il trasporto e la diffusione dei metalli pesanti nel reticolo idrico superficiale e quindi contaminazione di vaste.
A fondo valle della Miniera di Montevecchio infatti i suoli prelevati presentavano alte concentrazioni di metalli pesanti e in particolar modo Pb, Cd e Zn (Pb 3266 ppm, Cd 35,4 ppm, Zn 1495 ppm).
Scopo di questa ricerca è quello di sviluppare una metodologia di bonifica di suoli metallo contaminati che consenta di limitare modificazioni negli equilibri chimici e biologici del suolo.
La tecnica di risanamento è basata sull’introduzione nel suolo di materiali metallo-bloccanti che esercitano la loro azione o con un meccanismo di adsorbimento o con un meccanismo di precipitazione.
Per questa sperimentazione i materiali metallo-bloccanti impiegati sono stati la Zeolite (allumino silicato), i Fanghi Rossi (residuo della lavorazione della Bauxite) e il CaCO3.
Il suolo studiato, prelevato nei pressi di San Nicolò d’Arcidano, suolo naturalmente metallo contaminato, è stato messo in contatto con gli ammendanti. Successivamente è stata condotta una valutazione chimica della mobilità dei metalli pesanti presi in considerazione Pb, Cd, Zn attraverso un’estrazione sequenziale per stimare appunto la potenziale biodisponibilità. È stata valutata sia l’efficacia degli ammendanti impiegati sulla biodisponibilità dei metalli pesanti e l’influenza di questi sulle piente, coltivando in serra piante due specie vegetali differenti: pisello (Pisum sativum L.) e frumento (Triticum vulgare L.), che l’influenza dei Metalli Pesanti sulle attività enzimatiche del suolo.
L’applicazione degli ammendanti ha migliorato lo sviluppo vegetativo di entrambe le colture, grazie alla riduzione della mobilità dei metalli pesanti e conseguentemente della loro fitotossicità.
I risultati ottenuti hanno rilevato che l’aggiunta dei differenti ammendanti usati in questa sperimentazione, ha determinato, rispetto al suolo non trattato, una significativa riduzione della concentrazione dei metalli solubili ed estraibili e che l’adsorbimento dei metalli da parte delle piante è significativamente diminuito.
Gli ammendanti sperimentati sono quindi suscettibili di essere utilizzati come materiali per la bonifica di suoli metallo contaminati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. INTRODUZIONE Fino agli inizi degli anni ’80 la percezione della contaminazione dell’ambiente e del territorio nei paesi maggiormente industrializzati era generalmente associata ad incidenti relativamente rari, con conseguenze difficilmente valutabili, ma potenzialmente catastrofiche per la salute dell’uomo e degli animali e per l’ambiente. Oggigiorno i siti contaminati, il cui numero nei paesi più industrializzati è cresciuto esponenzialmente nell’ultimo decennio, non sono più percepiti in termini di pochi e severi incidenti, ma piuttosto come un problema infrastrutturale e produttivo di varia intensità ed importanza e soprattutto molto più diffuso di quanto si potesse inizialmente stimare. Più in generale lo stato di compromissione ambientale si è negli ultimi tempi aggravato, infatti, oltre che essere causato dai rilasci accidentali di sostanze inquinanti, è conseguenza di attività antropiche diffuse e prolungate nel tempo che hanno determinato l’immissione nell’ambiente di quantità massive di prodotti chimici organici ed inorganici, provenienti da attività urbane, industriali e agrarie; una tale situazione determina con il danneggiamento delle risorse naturali, la compromissione del territorio e la creazione di condizioni di pericolo per la salute della popolazione. Nel tempo sempre più consistenti sono diventate le produzioni e l’uso non coretto di una vasta serie di composti organici ed inorganici come fitofarmaci, agenti antimicrobici, farmaci, antifermentativi, antibiotici, detergenti, solventi, lubrificanti che sono andati ad incrementare il livello di contaminazione di suolo, atmosfera e acqua. A differenza dell’atmosfera e delle acque dove, una volta rimosse le forme di inquinamento, gli agenti inquinanti si decompongono in tempi relativamente brevi, il suolo, pur possedendo un elevato potere di autodepurazione, rimane invece contaminato per tempi assai più lunghi. Al suolo arrivano anche molti altri elementi e sostanze che derivano da: - riciclaggio di fanghi derivanti dalla depurazione di acque reflue, di scarti industriali, di rifiuti;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ammendanti
attività mineraria
bonifica
cadmio
carbonato di ca
contaminazione
fango rosso
inquinamento
metalli pesanti
piombo
zeolite
zinco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi