Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cartone animato di propaganda in Germania tra il 1937 e il 1944

Durante il XX sec. i canali di comunicazione rapida acquistano valore inestimabile per i fascismi. I dittatori europei sfruttano i fenomeni sociali come spinte vitalistiche per accrescere l’impatto dei mass-media.
Ogni stato totalitario organizza lo spazio fisico e comunicativo servendosi di stampa, radio, televisione e cinema.
In Germania Goebbels sceglie il mezzo cinematografico, oltre agli altri canali di comunicazione rapida, come sistema coercitivo subordinato a politica ed economia.
Il Ministro del PROMI intuisce la possibilità di usare il cinema come veicolo di propaganda e mezzo di persuasione, in concordanza con le teorie di uno dei padri fondatori della teoria per la suggestione delle masse: l’americano Bernays.
Meno noto, o meglio completamente sconosciuto ai più, l’impiego del cinema d’animazione come mezzo di persuasione.
Eppure il cartone animato viene massicciamente impiegato a scopo propagandistico fin dalla Prima guerra mondiale e trova largo impiego nella Germania del III Reich.
Il cinema d’animazione riveste un ruolo non trascurabile, per la sua capacità di coniugare la concretezza del messaggio politico con l’innovazione estetico/linguistica.
Il presente lavoro verte sul cartone animato come attualizzazione, integrazione e soluzione del contrasto generato dalla convivenza, nella storia culturale della Germania nazionalsocialista, di istanza opposte: assistiamo, infatti, all’intrecciarsi simultaneo del patrimonio culturale autoctono (sottoforma di fiabe, che costituiscono l’intelaiatura mitologica moderna) con l’irruzione violenta nella modernità.
L’intento è di chiarire il ruolo del cartone animato nella costruzione del regime e della gerarchia del Nazionalsocialismo, e di ricostruire un corpus frammentario e poco conosciuto.
I film analizzati sono sintomatici di un preciso momento evolutivo dei modelli ideologici e culturali che il Terzo Reich intendeva trasmettere: se pure hanno un’attenzione privilegiata per un pubblico infantile e semi-adolescenziale, non arrivano mai a livelli di trasmissione elementari, anzi.
Le opere presentate sono pregne di connotazioni politiche, in costante rapporto dialettico con il piano amministrativo nazista e niente affatto escluse dai procedimenti linguistici utilizzati nei “film dal vero” per adulti.
Punto finale delle analisi è riservato all’identificazione dei procedimenti retorici, in larga parte esemplati sul modello disneyano, che portarono all’elaborazione di un vero e proprio piano produttivo dei cartoni animati filo-nazisti, all’insegna di un totale consenso al sistema governativo.


Mostra/Nascondi contenuto.
3 – Introduzione – In senso etimologico la parola propaganda contiene una marca semantica legata all’obbligo di diffondere. La necessità di radicare idee e di gestire menti nasce col Potere: come scrive lo storico Philip M. Taylor, prima dello scoppio della Grande Guerra il termine propaganda designava i mezzi utilizzati dal Papato, nel XVI secolo, per riportare i riformati alla Chiesa di Roma. 1 “Prima del 1914, ‘la propaganda’ era semplicemente il modo con cui chi aderiva ad un’ideologia politica o ad una dottrina religiosa tentava di convincere il dissidente”. 2 Ogni azione propagandistica era mimetizzata nelle pieghe del potere religioso, come nelle più antiche società teocratiche, o nel culto di un despota carismatico. 3 1 “Before 1914,’propaganda’ meant simply the means wich an adherent of a political but chiefly of areligious doctrine employed to convince the unconverted”. Papa Gregorio XIII (1572-85) incaricò una Commissione di Cardinali di diffondere la vera fede nei paesi non cattolici e dopo la Guerra di Trent’anni papa Gregorio XV rese permanente la Commissione (1622) con il nome di Sacra Congregatio de Propaganda Fide. Cfr. P.M.Taylor, ”Propaganda in International Politics, 1919-39”, in K.M.R. Short (a cura di), Film and Radio Propaganda in World War II, University of Tennessee Press, Knoxville 1983, pag.20. 2 Ibidem. 3 Nelle Idi del settembre del 45 Giulio Cesare lasciava, in un sommo atto propagandistico, un’eredità di 300 sesterzi ad ogni cittadino romano. Cfr. Marta Sordi (a cura di), I canali della propaganda nel mondo antico, Vita e pensiero, Milano 1976.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Giorgia Lucrezia Velluso Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11161 click dal 19/07/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.