Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mix comunicazionale per il successo di un brand: il caso G-Key

Nella nostra società caratterizzata da un sovraffollamento di prodotti e possibili opzioni, la marca rappresenta la componente valoriale più importante che può orientare le scelte del consumatore, riducendo la concorrenza e inducendolo all’acquisto; perciò le imprese stanno adottando una nuova politica comunicazionale concentrandosi sull’impatto che la comunicazione d’impresa può avere per creare visibilità e dare valore al brand.
Nella mia ricerca mi sono concentrata sull’analisi del brand, definendo i concetti di base ed evidenziandone i tratti distintivi, inoltre ho affrontato temi quali il valore di marca,la cosiddetta brand equity, il posizionamento e i criteri di scelta di una brand position.
La marca è diventata un asset autonomo indispensabile per creare relazioni durature fra l’impresa e i suoi stakeholder; perciò le imprese stanno adottando politiche di valorizzazione del brand per fidelizzare la clientela e rendere l’offerta unica; le imprese cercano di costruire una propria identità personale, sviluppando una corporate image coerente con l’identità di marca desiderata . È ormai chiaro che un’impresa senza identità è un’impresa fragile che può facilmente dissolversi .
La marca è uno degli elementi visivi più importanti per creare una forte identità d’impresa; permette infatti di identificare in modo preciso un’impresa; attraverso la marca si rappresenta l’identità visiva aziendale ; l’impresa si presenta all’esterno e si dota di un proprio posizionamento competitivo. Le imprese dunque cercano di implementare delle strategie di marca efficaci servendosi di una buona comunicazione.
Nella mia analisi ho affrontato il tema della comunicazione d’impresa, che ha l’obiettivo di rappresentare l’identità di marca, creando delle relazioni intime tra l’impresa e il suo pubblico; perciò deve essere efficace e fornire una rappresentazione chiara e coerente dell’universo della marca. Perciò le imprese oggi sono più propense ad attivare modelli di comunicazione integrata che riconoscono la centralità del cliente che è in grado di attivare atteggiamenti di fiducia e di lealtà collaborativa nei confronti dell’impresa ; dunque le imprese si stanno muovendo per adottare politiche di comunicazione adeguate per conquistare l’attenzione, la preferenza, la fiducia e la fedeltà del consumatore.
Nell’attuale contesto competitivo si pone con forza la necessità di definire un approccio interdisciplinare alla comunicazione, poiché questa assume oggi un ruolo strategico che prevede la gestione di tutte le leve della comunicazione organizzata per costruire una relazione di lungo periodo e positiva non solo con i clienti ma con tutti i dipendenti e con tutti gli stakeholder dell’organizzazione. Per questo l’approccio alla comunicazione viene generato non solo dalla funzione comunicazione ma da tutte le funzioni che all’interno dell’azienda sono responsabili di definire gli obiettivi strategici e di relazionarsi con gli stakeholder. Considerare la comunicazione in modo strategico significa non solo integrare le discipline della comunicazione e di marketing ma allineare anche tutti i processi di business di un’azienda, dallo sviluppo del prodotto al customer care facendo diventare la comunicazione il ponte tra un’organizzazione e i suoi molteplici stakeholder.
Nel mio lavoro di ricerca mi sono soffermata sul ruolo strategico assunto attualmente dalla comunicazione d’impresa che ormai permea l’impresa nella sua interezza; la comunicazione ha lo scopo di rendere visibile e condivisibile il patrimonio tangibile e intangibile dell’impresa, deve creare e diffondere il valore dell’impresa, dando vita ad un’immagine di sé che crei fiducia e consenso nei suoi interlocutori.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Nella nostra società caratterizzata da un sovraffollamento di prodotti e possibili opzioni, la marca rappresenta la componente valoriale più importante che può orientare le scelte del consumatore, riducendo la concorrenza e inducendolo all’acquisto; perciò le imprese stanno adottando una nuova politica comunicazionale concentrandosi sull’impatto che la comunicazione d’impresa può avere per creare visibilità e dare valore al brand. Nella ricerca l’attenzione è stata focalizzata sull’analisi del brand, si è cercato di definire i concetti di base evidenziandone i tratti distintivi, inoltre sono stati affrontati temi quali il valore di marca (la cosiddetta brand equity), il posizionamento e i criteri di scelta di una brand position. La marca è diventata un asset autonomo indispensabile per creare relazioni durature fra l’impresa e i suoi stakeholder; perciò le imprese stanno adottando politiche di valorizzazione del brand per fidelizzare la clientela e rendere l’offerta unica; le imprese cercano di costruire una propria identità personale, sviluppando una corporate image coerente con l’identità di marca desiderata 1 . È ormai chiaro che un’impresa senza identità è un’impresa fragile che può facilmente dissolversi 2 . La marca è uno degli elementi visivi più importanti per creare una forte identità d’impresa; permette infatti di identificare in modo preciso un’impresa; attraverso la marca si rappresenta l’identità visiva aziendale 3 ; l’impresa si presenta all’esterno e si dota di un proprio posizionamento competitivo. Le imprese dunque cercano di implementare delle strategie di marca efficaci servendosi di una buona comunicazione. 1 Cfr. KAPFERER J.N., Strategic brand management. Creating and sustaining brand equity long term, Londra, Kogan Page, 1997. 2 Cfr. BACCARINI C., GOLINELLI G.M., L’impresa inesistente: relazioni e strategia, Sinergie n.29, 1992. 3 Cfr. ACHILLI F., “Dal simbolo al sistema: l’identità visuale dell’impresa, in FABRIS G. (a cura di), La comunicazione d’impresa. Dal mix di marketing al communication mix. Sperling&Kupfer Editori, Milano 2003, pagg 301-302

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carmela Tuccillo Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4380 click dal 05/10/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.