Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pubblicità sui settimanali: ''L'Espresso'' ed ''Epoca'' (1958)

Scopo di questa tesi è cercare di comprendere attraverso la pubblicità che tipo di cambiamento è avvenuto nella cultura e nelle abitudini degli italiani all'alba del boom economico e precisamente nel 1958 considerato dagli storici come l'anno di inizio. Le centinaia di testi di pubblicità analizzate e riportate integralmente, ricavate dai 52 numeri sia de "L'Esporesso" sia di "Epoca" di questo anno ci rendono con grande efficacia ed immediatezza il periodo storico. Nel 1958 le riviste e i settimanali erano la tessera di appartenenza ad una schiera di italiani che ambivano ad essere tali e quali la pubblicità mostrava e che erano in procinto di varcare la soglia del boom. "Epoca" era diretto ad un pubblico familiare ma comunque acculturato, "L'Espresso" ad uno più intellettuale e di sinistra o comunque laico.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo scrittore britannico Norman Douglas nel suo romanzo “Vento del Sud” dice che si possono capire gli ideali di una nazione dalla sua pubblicità. Lo scopo di questa tesi non sarà certamente così ampio ma almeno si cercherà di comprendere, attraverso questo particolare tipo di fonte, che tipo di cambiamento è avvenuto nella cultura e nelle abitudini degli italiani all’alba del boom economico e precisamente nel 1958 considerato dagli storici come l’anno di inizio. Questa non è una tesi in Tecniche della comunicazione pubblicitaria ma in Storia Contemporanea, qui, come si è gia detto, lo scopo è fare storia attraverso la pubblicità che viene quindi utilizzata come fonte. Nel periodo di tempo compreso tra gli anni Cinquanta e Sessanta, l’Italia fu protagonista di un record di crescita nella produzione nazionale tale da far parlare di “miracolo economico”. L’apice dello sviluppo di questo trend positivo fu raggiunto tra il 1958 e il 1963. Nonostante il fenomeno si riferisca a un evento principalmente economico, esso ebbe una forte ripercussione sulla vita degli Italiani che in pochi anni cambiò radicalmente, in positivo o in negativo e portò nel nostro Paese un livello di progresso e benessere mai conosciuto nei periodi precedenti la creazione del Mercato Comune

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elvira Ferone Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1020 click dal 13/11/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.