Skip to content

Italia e Cina: il contributo delle relazioni culturali al dialogo tra i due paesi

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Riccardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Barbara Bisetto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

Con l’avvento della globalizzazione lo studio della cultura si complica e semplifica allo stesso tempo. Se nella modernità i territori erano concepiti come contenitori di culture, nell’epoca contemporanea la cultura viene studiata in una prospettiva relazionale e reticolare, dunque parlare di scambi culturali non può che accrescere in misura esponenziale la complessità delle entità e delle relazioni in questione.
Bisogna poi considerare il fattore economico, imprescindibile nell’ambito dei contatti culturali, in quanto funge da supporto, da leva, da vettore e, talvolta, da fine ultimo. Per questa ragione, è attualmente denunciabile la sovrapposizione di interessi economici e culturali – con la conseguente svalutazione di questi ultimi. Se nelle epoche precedenti infatti i due fenomeni riuscivano a mantenere separate le loro entità, come avremo modo di constatare nel corso della trattazione, nel mondo contemporaneo risulta molto difficile distinguerle, poiché motivazioni economiche e culturali vengono fuse o utilizzate vicendevolmente come bandiere per l’incontro (e spesso scontro) di civiltà.
In seguito a un breve inquadramento storico dei contatti tra le due nazioni, forniremo esempi significativi del panorama che le accomuna: il mercato dell’alta moda, il commercio del vino e, infine, un tratto prettamente artistico, ovvero il restauro di pellicole cinematografiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. CONTATTI TRA ITALIA E CINA 1.1 Cenni storici Non si può affrontare un argomento complesso come quello delle relazioni che legano due Paesi senza abbozzare una sintesi storica; ciò vale in particolare quando i due Paesi presi in esame hanno alle spalle civiltà millenarie, come la Cina e l’Italia. L’Impero romano e quello cinese degli Han furono infatti le due maggiori potenze del mondo antico, sia per estensione che per durata, la quale si svolse secondo due parabole pressoché concomitanti 1 . Tuttavia il loro agognato incontro venne ostacolato da potenze ostili – come quelle dei parti - e dalle sterminate steppe dell’Asia centrale, che li separarono a lungo, mantenendo le reciproche opinioni a un livello utopico: gli uni immaginavano gli altri pacifici, onesti, dotati di ottima tempra fisica e morale, retti da eccelsi governanti e, curiosamente, longevi oltre ogni umana possibilità; le uniche pecche di tali favorevoli considerazioni erano rappresentate da leggende a proposito delle difficoltà che i “Seres” (nome latino per i cinesi) e gli abitanti del “Da Qin“ (Grande Cina, come i cinesi chiamavano i romani) sarebbero stati soliti frapporre alle trattative commerciali. Caduto l’Impero romano d’Occidente, a tenere i rapporti con la Cina rimase solo quello d’Oriente, che grazie all’invio di varie ambascerie riuscì a carpire ai cinesi il segreto della produzione del principale articolo delle transazioni: la seta. Fu a questo punto che nelle relazioni tra i due popoli si inserì una certa animosità. Finalmente, con l’instaurarsi della “pax mongolica”, le enormi distanze tra Europa e Cina parvero accorciarsi, grazie soprattutto al fatto che le vie di comunicazione divennero più sicure. 1 Cfr. Bertuccioli, Giuliano, Masini, Federico, Italia e Cina, Laterza, Roma, 1996, p.3.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi