Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fondi immobiliari speculativi: un nuovo strumento di investimento tra real estate e hedge funds

Il presente scritto si propone di offrire una panoramica di come il real estate stia assumendo, da classico e tradizionale “investimento rifugio”, un ruolo sempre più rilevante nell’ambito degli investimenti alternativi fino a diventare oggetto di investimento, nelle sue varie forme, di fondi hedge e gestioni speculative. Nella prima parte del testo viene presentata molto brevemente una delle cause principali alla base di questo cambiamento, ossia l’espansione, e le relative conseguenze, dell’industria mondiale degli hedge funds.
In seguito viene descritta quindi la realtà americana dei real estate hedge funds, presentandone caratteristiche e modalità di investimento.
La principale parte dello scritto è poi dedicata a quella che può essere assimilata come l’esperienza italiana, ossia l’introduzione nel nostro ordinamento dei fondi immobiliari speculativi. Questo nuovo strumento di investimento, pur essendo altamente innovativo, trae le sue basi dai fondi immobiliari ordinari; per questa ragione, prima di presentare le sue peculiarità, sono trattate in modo sintetico le caratteristiche dei fondi immobiliari ordinari, focalizzandosi principalmente sugli elementi condivisi, in modo da poter analizzare in seguito i fondi immobiliari speculativi con una metodologia “per eccezioni”. Di questi ultimi verranno presentati dapprima natura e caratteristiche, per poi concentrarsi su numerosi aspetti quali gli investimenti target, gli investitori target, i rischi, il tema del conflitto di interessi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il presente scritto si propone di offrire una panoramica di come il real estate stia assumendo, da classico e tradizionale “investimento rifugio”, un ruolo sempre più rilevante nell’ambito degli investimenti alternativi fino a diventare oggetto di investimento, nelle sue varie forme, di fondi hedge e gestioni speculative. Nel capitolo primo del testo viene presentata molto brevemente una delle cause principali alla base di questo cambiamento, ossia l’espansione, e le relative conseguenze, dell’industria mondiale degli hedge funds. Nel secondo capitolo viene descritta quindi la realtà americana dei real estate hedge funds presentandone nell’ordine caratteristiche, punti forza, modalità di investimento, principali tecniche operative e prospettive future. Tali fondi, pur rappresentando una nicchia del mercato dei fondi hedge, sono una realtà in forte espansione, in cui viene utilizzato un inedito approccio all’investimento in real estate. La principale parte dello scritto è poi dedicata a quella che può essere assimilata come l’esperienza italiana, ossia l’introduzione nel nostro ordinamento dei fondi immobiliari speculativi. Questo nuovo strumento di investimento, pur essendo altamente innovativo, trae le sue basi dai fondi immobiliari ordinari; per questa ragione, prima di presentare le sue peculiarità, sono trattate in modo sintetico, all’interno del terzo capitolo, le principali caratteristiche dei fondi immobiliari ordinari, focalizzandosi maggiormente sugli elementi condivisi, in modo da poter analizzare in seguito i fondi immobiliari speculativi con una metodologia “per eccezioni”. Di questi ultimi vengono presentati, all’interno del quarto capitolo, dapprima natura e caratteristiche, per poi concentrarsi su numerosi aspetti quali gli investimenti target, gli investitori target, le possibili prospettive future, i rischi peculiari connessi alla natura di fondi immobiliari speculativi, il tema della corporate governance e del conflitto di interessi.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Torti Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6013 click dal 19/12/2006.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.