Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione della qualità delle acque del lago Omodeo attraverso l'utilizzo di indicatori chimici e biologici e prospettive di valorizzazione del territorio circumlagunare

Il lago Omodeo rappresenta una importante fonte di approvvigionamento di acqua per attività industriali, agricole e civili di un vasto territorio della Sardegna centrale. La notevole rilevanza paesaggistica-ambientale del lago e del suo territorio circostante potrebbe essere valorizzato attraverso lo sviluppo di attività economiche nel settore turistico-ambientale e della pesca.
Lo scopo della tesi è di valutare, attraverso l’utilizzo di alcuni indicatori chimici e biologici, la condizione ambientale del lago Omodeo, analizzando inoltre la situazione economico-ambientale del territorio circumlagunare al fine di stimare l’influenza delle attività antropiche presenti nella zona sul possibile inquinamento del lago. Per stabilire regole ed eventuali interventi di ripristino ambientale in sintonia con lo sviluppo di attività economiche compatibili con la conservazione e il potenziamento della risorsa ambientale del lago.
Queste conoscenze non solo risultano necessarie per l’eventuale pianificazione di interventi di risanamento e ripristino ambientale, ma potrebbero costituire la base per la messa a punto di una regolamentazione più precisa sullo sfruttamento del lago Omodeo, consentendo da un lato un migliore controllo della pressione antropica e dall’altro favorendo lo sviluppo di attività produttive compatibili con la conservazione e valorizzazione di questa importante risorsa economica-ambientale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Introduzione La crescente consapevolezza delle possibilità di distruggere le limitate risorse disponibili sul pianeta, ha portato a livello mondiale, ad un consistente sviluppo della politica ambientale. L’Unione Europea pone, tra gli obiettivi che si intendono perseguire, la conservazione, la protezione ed il miglioramento della qualità ambientale, l’uso sostenibile delle risorse primarie e la protezione della salute umana. Il legislatore ha rivolto particolare attenzione al settore agricolo, per la sua caratteristica di agire in modo estensivo sul territorio. L’esigenza di assicurare all’attività agricola uno “sviluppo sostenibile” ha portato il Consiglio d’Europa a numerose iniziative che vanno dalla stesura della Carta Europea del Suolo al V Programma di Azione Ambientale. Il Consiglio oltre a sancire che suolo ed acqua sono i beni più preziosi dell’umanità, in quanto risorse limitate che si distruggono facilmente, ha elaborato delle norme finalizzate alla tutela dell’ambiente. In questo contesto molta rilevanza è stata data alla tutela della qualità delle acque, in considerazione del fatto che essa, oltre che essere una delle fonti elementari di vita, costituisce un’eccellente indicatore della qualità generale dell’ambiente naturale. L’acqua rappresenta una risorsa strategica per il futuro del nostro pianeta, la crisi idrica rappresenta già oggi una delle maggiori minacce e delle principali cause di conflitto. Non è un caso, infatti, che la possibilità di accedere alle risorse idriche, purtroppo, faccia notizia. Circa un miliardo e mezzo di persone non hanno accesso all’acqua potabile (e sono perciò costrette a vivere in mancanza delle minime condizioni igieniche) e 30000 muoiono ogni giorno per malattie dovute all’assenza di acqua, dall’altro, gli sprechi sono enormi in tutto il mondo: il 40% dell’acqua usata per l’irrigazione si perde per evaporazione, le perdite d’acqua immessa negli acquedotti vanno dal 30 al 50 %. Il problema dell’acqua emerge con forza e sempre più spesso anche in Italia. Nel nostro Paese, infatti, l’allarme è ormai esteso a un terzo dei comuni che sono a forte rischio idrogeologico; molte riserve idriche, soprattutto al Centro-Sud, sono ridotte e si stimano ogni anno danni all’agricoltura per alcuni miliardi di euro. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Daniel Fadda Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1448 click dal 20/12/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.