Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regolazione del regime di minimo di motore diesel con sistema common rail

La tesi tratta della realizzazione di un algoritmo di controllo del regime di minimo di un motore a combustione interna. Allo scopo è stato realizzato anche un algoritmo di stima della marcia inserita. Entrambi gli algoritmi sono stati sviluppati e testati su di un modello numerico del sistema "automobile" comprensivo di una dettagliata descrizione delle componenti elastiche della driveline.

Particolare attenzione è stata posta, in fase di sviluppo del controllore, al fatto che il tempo di campionamento del sistema non è costante bensì variabile in funzione del regime di rotazione del motore. In effetti, il cuore della tesi è la sintesi di un algoritmo che, sulla base del modello della driveline, ha permesso di ottimizzare offline con una strategia complessa i parametri di funzionamento del controllare, variabili in funzione del regime di rotazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione 1.1 Il problema di controllo del minimo In ambito automotive, il controllo del minimo ha lo scopo di mantenere la velocita` di rotazione del motore entro un dato range, reiettando i disturbi di coppia resistente e prevenendo lo spegnimento del propulsore. A causa dell’impredicibilita` delle coppie di carico e della criticita` del funzionamento del motore a regimi molto bassi, la sintesi di un sistema di controllo per il mantenimento del regime di minimo si presenta come un problema partico- larmente delicato. Lo studio di un sistema di controllo preposto a questa funzione, oggetto della presente tesi, e` stato reso possibile dalla disponibilita` di un modello matematico, utilizzabile tramite calcolatore in ambiente Matlab/Simulink, della vettura Fiat Punto equipaggiata col motore Fiat 1.3 JTD Multijet. Questo modello matematico, frutto di una precedente tesi [5] nata dalla col- laborazione tra D.E.I.S. e Magneti Marelli, consente una simulazione accu- rata del comportamento della vettura, vista come unione di tre componenti principali: motore, driveline (cioe` l’intero sistema di trasmissione dall’albero motore alle ruote) e centralina. Lo sviluppo di detto modello, complesso e adatto alla simulazione, ha richiesto l’identificazione di numerosi parametri 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Marani Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3423 click dal 05/01/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.