Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fra governance e programmazione partecipata: il Piano Sociale di Zona nel distretto di Sondrio

Nella ricerca svolta per la tesi ho trovato molto interessante studiare i meccanismi di integrazione tra Enti Locali e organizzazioni del Terzo settore nella pianificazione dei servizi e degli interventi sociali, in particolare analizzare il ruolo della cooperazione sociale nei processi di policy making a livello locale.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di realizzare un’analisi approfondita dello sviluppo delle nuove politiche sociali in Italia e in particolare della legge 328, approvata l’8 novembre 2000, “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”. Infatti non solo in Italia, negli anni ’90, si sono sviluppate alcune nuove tendenze nelle politiche sociali, che sono attualmente in corso e in continua evoluzione. In particolare nasce, all’inizio degli anni ’90, l’idea di costruire l’Europa sociale fondata sui principi di coesione sociale e di sostenibilità. È quindi nel contesto europeo che si sviluppano le linee di cambiamento fondamentali, che caratterizzano le nuove politiche sociali anche in Italia e che sono tuttora in atto, le elenchiamo qui di seguito: l’integrazione, l’attivazione e la localizzazione delle politiche sociali. Queste linee di tendenza hanno influenzato sicuramente l’elaborazione della legge n. 328/2000 di riforma del sistema socio-assistenziale italiano, che fonda il nascente sistema sull’integrazione fra ambiti, materie e attori diversi, sull’attivazione dei diversi soggetti di welfare, istituzionali e non, e sulla localizzazione delle politiche e dei servizi sociali. Un obiettivo fondamentale di questo studio è quello di esaminare l’attuazione della legge di riforma dell’assistenza a livello del welfare locale. Nello specifico si vuole arrivare ad una valutazione della partecipazione attiva delle organizzazioni del terzo settore ai processi di policy making, vale a dire alla programmazione del sistema dei servizi sociali a livello locale, dopo la legge quadro del 2000. Un secondo obiettivo è quello di capire quanto sia effettivamente cambiato il ruolo del terzo settore, in seguito all’approvazione della legge 328; ma anche quanto gli strumenti programmatori introdotti per favorire la costruzione del sistema integrato hanno contribuito a potenziare l’attivazione e la cooperazione fra i diversi soggetti di welfare, istituzionali e non, soprattutto a livello locale. A tal fine è di

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Lucia Marveggio Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3261 click dal 22/01/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.