Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Autorità amministrative indipendenti in Italia: modelli, vantaggi e rischi


Le Autorità amministrative indipendenti, nelle forme che conosciamo oggi in Italia, sono il risultato di una lenta ma costante manovra di riavvicinamento dei cittadini alle Istituzioni; hanno costituito cioè un tentativo di riconquista della fiducia della popolazione da parte dello Stato. Quello stesso Stato che aveva convissuto al suo interno con decenni di confronti parlamentari forse troppo “accesi”, maggioranze variegate e governi “balneari” hanno generato l’effetto di allontanare i cittadini dalle loro Istituzioni.
A nostro avviso la svolta è coincisa con dei provvedimenti che, a partire dagli Anni ‘90 introdussero, subito dopo l’Antitrust, una serie di organismi di regolamentazione rivolti a molteplici settori della vita pubblica. Tali authorities hanno avuto un impatto forte ed hanno fornito un contributo importante al processo di innovazione della Pubblica Amministrazione, talvolta andandosi ad inserire in settori dove le lacune legislative erano a dir poco imbarazzanti.
E’ proprio dall’affermazione di questi nuovi organismi, quasi del tutto sconosciuti ed inizialmente accolti con circospezione, che lo Stato ha cominciato a riallacciare un dialogo con i cittadini che sembravano solo destinati a subire le vessazioni di una burocrazia arrogante ed autoreferenziale.
Le Autorità amministrative indipendenti infatti scardinano quel legame con l’apparato statale che vuole ricondurre ogni attività ad una articolazione ministeriale e realizzano appieno quel principio di sussidiarietà rendendosi immediatamente disponibili alle istanze della cittadinanza e a quelle degli Enti Pubblici. Tale principio, costituzionalizzato nel 2001, sancisce una svolta fondamentale nel rapporto Stato-cittadino.
Non si può omettere di rilevare tuttavia che il miglioramento e l’efficienza dei servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione sono avvenuti di pari passo con l’arretramento dell’interventismo dello Stato nei più diversi settori: nei mercati economici, nei servizi al cittadino, nei trasporti, nelle infrastrutture, nelle comunicazioni.
Nella presente dissertazione si è cercato di mettere in evidenza che una minore presenza dello Stato, compensata adeguatamente con l’istituzione di organismi di regolamentazione, ha consentito la diffusione di quei benefici e quella crescita che sino ad allora si rinveniva nel liberismo reaganiano.
Una caratteristica non di poco conto, nell’ottica dell’ innovazione della Pubblica Amministrazione, va ricercata nella nomina dei componenti delle Autorità amministrative indipendenti tra i migliori professionisti del mondo accademico, della magistratura e dei manager ai massimi vertici degli Enti Pubblici. La competenza, l’esperienza, l’autorevolezza e l’elevatissima qualificazione e specializzazione dei componenti di tali istituti che, insieme all’indipendenza nella nomina dei vertici, ha costituito davvero un fatto nuovo.
L’autonomia finanziaria infine, attraverso contribuzione alle spese da parte degli stessi soggetti vigilati, ha contribuito a rendere ancora più marcato il distacco dal potere politico, non potendone, quest’ultimo, più influenzarne il bilancio.
Funzione assolutamente innovativa, e che non si era mai rivenuta nell’ordinamento statale, era costituita dalla moral suasion. Grazie a questo strumento, le authorities potevano svolgere un’ intensa azione di dissuasione verso le Pubbliche Amministrazioni, che, senza alcun obbligo giuridico a farlo, si uniformavano al comportamento suggerito.
Con l’inizio dell’attività del Garante per la privacy, nel 1997, comincia la rivoluzione “tecnologica” della Pubblica Amministrazione, non solo di straordinaria importanza per il contenimento della spesa pubblica, ma di rilancio dell’intero sistema pubblico dell’efficienza rivestirà l’introduzione della posta certificata con i Decreti disciplinanti la firma digitale e istitutivi della carta d’identità elettronica. Successivamente si vuole ricordare l’inquadramento nel Codice in materia di protezione dei dati personali con D. Lgs. 196/2003 del neo istituito C.N.I.P.A. che si rileverà di importanza fondamentale nel coordinare le procedure operative di tali applicazioni. Si inquadra in tale contesto anche la recente introduzione del Codice dell’Amministrazione Digitale il quale delinea quei diritti e quei doveri del cittadino a cui ogni Amministrazione statale deve fare riferimento.
Infine, l’introduzione dell’ Analisi di Impatto della Regolamentazione, introdotta solo di recente costituisce un utilissimo strumento per valutare i rischi e favorire le migliori soluzioni alternative volte a scagionare un intervento pubblico.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il presente lavoro ha come obiettivo quello di analizzare il fenomeno della nascita delle Autorit amministrative indipendenti1 alla luce della stratificazione normativa realizzatasi nel tempo e dei fattori di criticit ad essa collegati. Questi organismi costituiscono un immancabile elemento nel quadro delle trasformazioni degli attuali sistemi democratici, poichØ si pongono in una posizione ibrida rispetto alla tripartizione dei poteri propria delle moderne democrazie perchØ spezzano quel principio di dipendenza dall apparato ministeriale. Tali istituti rispondono alla crisi dello Stato e al contempo esprimono il realizzarsi di quel principio di sussidiariet che va affermandosi in ambito politico, economico e sociale. Le authorities, inoltre, da un lato nascono dal mutamento dei rapporti tra istituzioni pubbliche e societ civile e dall impossibilit da parte dello Stato di controllare efficacemente tutti gli ambiti che gli competono, dall altra soddisfano il crescente bisogno di regolazione sociale in settori fondamentali quali l economia, il mercato, la tecnologia, i mass media. Quando giungono a maturazione le condizioni che fanno s che lo Stato decida di spogliarsi di parte delle sue pertinenze per demandarle ad uno di tali organismi si esplica quel processo di trasformazione, soprattutto nel settore economico, verso lo Stato regolatore , cioŁ che non interviene piø direttamente ma detta le regole per un funzionamento efficiente e congruo e si pone come garante del loro rispetto. 1 Per un inquadramento storico delle Autorit amministrative indipendenti in Italia cfr. anche A. MASSEA, La crisi del sistema ministeriale e lo sviluppo degli enti pubblici e delle autorit amministrative indipendenti in S. CASSESE- C. FRANCHINI (a cura di), L amministrazione pubblica italiana, Il Mulino, Bologna, 1994, p. 33 ss.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianluca Pipitone Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4492 click dal 07/02/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.