Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Donne e carcere: La maternità all'interno di istituzioni totali

La maternità all'interno di istituzioni totali con un approfondito excursus legislativo e l'analisi del sano sviluppo psico-fisico dei bambini che, fino al compimento del terzo anno di età, vivono con la mamma in carcere. La tesi parte definizione che importanti autori del panorama sociologico hanno dato di istituzioni totali con un particolare approfondimento sull'istituzione carceraria. Sono presenti teorie ed esperimenti sullo sviluppo del bambino in carcere e sul rapporto madre-figlio.
Il lavoro analizza, inoltre, i diversi progetti italiani per aiutare la crescita del bambino in carcere.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Già per Aristotele l’individuo si configurava come un animale sociale. Il concetto stesso di società si riferisce all’insieme di persone che compongono l’umanità (cfr. Macioti, 1998:73). Alla base di ogni società c’è il rapporto fra gli individui. L’uomo ha bisogno degli altri per sopravvivere, per non sentirsi solo, per lavorare, per instaurare relazioni durature; nessuno può vivere completamente isolato dagli altri. Senza dubbio, il primo legame che l’individuo instaura nel corso della sua vita è quello con la madre. Analizzare tale rapporto implica la considerazione di più variabili: ambientali, psicologiche, sociali, ecc. Il rapporto madre- figlio, in tal senso, è stato studiato da discipline diverse, prima fra tutte la psicologia, per

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Mariangela De Marco Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12511 click dal 14/02/2007.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.