Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agostino di Alberto Moravia

La bella immagine di Ajello -  che accosta la “presenza” del cittadino all'attività dello scrittore e ripropone la netta distinzione da Moravia più volte sostenuta fra intellettuale ed artista - mi sembra quanto mai opportuna. Giacché se è vero che il parallelismo di intellettuale e artista è la caratteristica più appariscente di Moravia, è vero anche che proprio la sua “presenza” nei dibattiti culturali e la sua statura di intellettuale hanno in qualche modo influenzato gli interventi critici sulla sua produzione artistica. Una doppia tendenza, infatti, sembra caratterizzare la letteratura critica su questo autore: da una parte si è spesso discusso con e di Moravia come “ideologo”, sostenitore dell'ideologia del “borghese onesto” o di altra ideologia, e si sono spesso utilizzate, usate (piuttosto che interpretate) le sue opere per contestare o meno tale ideologia, sottovalutando o ignorando - a parte alcune eccezioni, anche brillanti - il Moravia “artista”, costruttore ed emittente del messaggio estetico; dall'altra parte si è trascurata la produzione di Moravia dopo La noia (1960). I due aspetti sono collegati, giacché, per lo più, si è ritenuto che, a partire da questo romanzo, l'intellettuale/ideologo, il presenzialista, sensibile alle mode culturali, abbia preso il sopravvento sull'artista.
   Si tratta di un'impostazione critica non molto convincente: il vero punto sta nell'individuare il continuum artistico-ideologico dello scrittore, nell'individuare le isotopie tecnico-narrative e tematiche che attraversano tutta la sua opera. È qui che potrebbero trovare risposta la questione della continuità/rottura nella produzione di Moravia, la questione del rapporto fra prodotto letterario e contesto storico-sociale per un autore così “impegnato”, ed è qui, soprattutto, che emerge il sottile dialogo fra intellettuale ed artista. Da questo punto di vista, la lettura o rilettura delle opere di Moravia secondo metodi testuali più rigorosi è condizione imprescindibile di una risistemazione critica dell'autore. Come del resto una tra i migliori studiosi del nostro scrittore, Franca Schettino, già nel 1974 aveva vigorosamente sottolineato.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione «Secondo me i privilegiati sono quelli che sia nel senso creativo, sia nel senso conoscitivo hanno a che fare con l’arte. Dico questo perché, nonostante una lunga vita piena di difficoltà di tutti i generi, alla fine mi considero un privilegiato per il fatto di essere un artista…». 1 A. Moravia Se ne va il Novecento: questo è il titolo del ricordo di Moravia apparso su Il Mattino il 28 settembre 1990, due giorni dopo la morte dello scrittore. 2 E molto si è scritto - non solo in occasione della morte - sul ruolo centrale di Moravia nel panorama culturale italiano di questo secolo, sulle peculiarità della sua figura di scrittore e di intellettuale. Merita, a tale proposito, di essere riportata un'osservazione del giornalista Nello Ajello: «Se lui interveniva - e interveniva spesso - nelle cose del mondo, lo faceva in quanto cittadino, non in quanto scrittore. Il cittadino Moravia era sempre pronto, prodigo di risposte, fecondo di formule, ricco di intuizioni abili o geniali, dispensate per telefono o scritte con rapidità di cronisti per il Corriere o L'Espresso. Dal canto suo, lo scrittore Moravia viveva rispetto al primo una vita parallela: perso dietro sogni, immagini, personaggi.» 3 La bella immagine di Ajello - che accosta la “presenza” del cittadino all'attività dello scrittore e ripropone la netta distinzione da Moravia più volte sostenuta fra intellettuale ed artista - mi sembra quanto mai opportuna. 1 A. Moravia – A. Elkann, Vita di Moravia, Bompiani, Milano 1990 2 Per Moravia. Press book della sua morte, a cura di Jader Jacobelli, Salerno Editrice, Roma 1990. L'articolo, di Paolo Giuntella, cui qui si fa riferimento, è alle pagine 83-85. 3 N. Ajello, Un impegno contro voglia, in "la Repubblica", 27 settembre 1990; ora in Per Moravia, cit, pp. 13-16; il passo citato è a p. 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marzia Pierini Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7967 click dal 26/02/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.