Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cinesi di seconda generazione a Torino

Questo lavoro è centrato su un esercizio di ricerca originale, con interviste discorsive condotte su ragazzi cinesi di seconda generazione a Torino. Nonostante il numero ovviamente non rappresentativo, sono emerse osservazioni e spunti interessanti su una realtà migratoria particolare e silenziosa nel panorama italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione ‘Negli ultimi vent’anni un paese patria di quasi un quarto dell’umani- ta`, la Cina, sta crescendo a ritmi del 10 per cento l’anno. [...] Una crescita tumultuosa, senza precedenti nella storia umana... [...] La Cina sta cercando di entrare nel mondo moderno adeguandosi ad un modello di sviluppo occidentale ma anche portando nuove prospet- tive e certamente causando uno spostamento dell’equilibrio economico internazionale. Tutto il mondo e` trasformato da questo processo di cambiamento... [...] Quello che e` certo e` che il Mondo dovra` adattar- si alla Cina e la Cina dovra` superare la tentazione di considerarsi un mondo a parte. L’Occidente e l’Europa in particolare devono svolgere un ruolo incisivo per non farsi travolgere e per gestire una transizione che puo` avvicinare due culture diverse o generare conflitti dagli esiti devastanti...’ Con queste parole si apre l’introduzione di Luca Cordero di Montezemolo all’acuto saggio di Francesco Scisci, corrispondente de La Stampa a Pechino, dal titolo Chi ha paura della Cina1. Sono d’accordo sul fatto che Occidente e Cina siano due mondi che si stanno avvicinando sempre di piu`, volenti o nolenti, spinti da forze economiche e sociali a cui non e` facile sottrarsi, e credo che questo processo di avvicina- mento vada gestito con molta consapevolezza, ‘prendendo in mano il timone’ per non correre il rischio di imboccare rotte dall’approdo incerto. La stessa cosa vale, ancor di piu` se possibile, per l’Europa e l’Italia in particolare. E i mediatori di questo difficile incontro-scontro con il gigante cinese saran- no, necessariamente, i giovani immigrati cinesi. Gia` oggi gli studenti cinesi 1L.Cordero di Montezemolo, Prefazione, in F.Scisci,Chi ha paura della Cina, Ponte alle Grazie, Milano, 2006, p.5. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paola Versino Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4117 click dal 28/03/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.