Skip to content

La business demography nelle strategie di mercato delle aziende di credito

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Di Rosa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Annamaria Altavilla
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

Questo lavoro concentra l’attenzione sulla “Business Demography”, cioè su quella parte della demografia applicata alle aziende, che sviluppatasi prima negli U.S.A. si è diffusa recentemente anche in Italia. Questa branca della demografia è in grado di dare un’esauriente risposta ad un interrogativo posto dagli studiosi in una delle tante sessioni della Australian Population Association Conference: “What population studies can do for business?”. Ci si è resi conto che i mutamenti demografici influenzano tantissimo il mercato e inoltre che i metodi demografici godono di una flessibilità tale da poter essere applicati anche a popolazioni non tradizionali come personale d’azienda, produzione, vendite, etc..
Parallelamente alla Business demography è nata una nuova figura di demografo, quella del “business demographer”, vale a dire di colui che tale scienza studia e applica, combinando conoscenze statistico-demografiche, geografiche, socio-economiche. Nei suoi lavori utilizza i tradizionali strumenti impiegati in demografia: censimenti, indagini di settore, archivi di consumatori.
Oggetto di analisi della Business Demography può essere qualunque azienda, grande o piccola, appartenente al settore pubblico o privato e, a tal proposito, saranno riportate alcune applicazioni di metodi demografici da parte di aziende italiane (Barilla, Fiat, Plasmon, Benetton, etc.) ed internazionali (Levi Strauss, General Motors Corporation ed altre).
Si tratta di alcuni metodi che, applicati tradizionalmente a problematiche demografiche, vengono adattati a problemi aziendali. Nel lavoro saranno analizzati, in particolare, quattro distinti gruppi di metodi: 1) l’analisi per coorte (applicato a coorti inusuali per la demografia tradizionale, identificate ad esempio dal primo acquisto di un prodotto o servizio, per lo studio del suo consumo); 2) l’analisi di dati di sopravvivenza, finalizzata a valutare la probabilità che un determinato prodotto/servizio o un’azienda sopravvivano dopo un certo numero di anni dalla nascita, nonché la loro speranza di vita nelle diverse fasi; 3) i metodi di stima e proiezione di popolazione, utili a stimare la domanda e quindi la conseguente vendita di un prodotto/servizio ma anche a prevedere la popolazione ad una certa data, analizzandone la diversa composizione e tutte le altre variazioni da essa subite; 4) i metodi di standardizzazione, normale e doppia. In alcuni settori, le differenze nella struttura per età della popolazione o nella propensione all’acquisto possono portare a conclusioni fuorvianti circa le potenziali vendite e quindi a politiche di mercato inadeguate. Tenendo sotto controllo una delle due variabili, la struttura o la propensione, è possibile ottenere risultati più efficienti, compatibili con un’ottimale soddisfazione della clientela.
Tra tutti, i metodi di previsione sono quelli verso i quali sarà maggiormente concentrata la nostra attenzione. Il capitolo V riporterà l’applicazione di un metodo previsivo, il “Cohort Componet Method”, riferito alla popolazione residente in provincia di Ragusa in data 1/1/2003, allo scopo di mostrare quali variazioni può subire questa popolazione in un breve periodo (2003-2010).
Il ritardo con cui si è diffusa in Italia la Business Demography spiega la scarsa attenzione che le aziende mostrano nei confronti dell’elemento demografico nell’ambito delle strategie aziendali. Questa situazione è stata evidenziata su scala nazionale (Cap.III), in un lavoro effettuato nel 1994 da alcuni studiosi dell’Università di Roma , i quali dimostrano come le strategie di mercato delle aziende di credito siano ancora più il risultato di analisi di marketing che dell’applicazione di metodi statistico-demografici. Sulle orme di questo studio si tenterà di effettuare un’indagine su scala locale (Cap. IV), proponendo un questionario, modificato e arricchito di nuovi elementi, al fine di poter toccare, quanto più possibile, problematiche locali. Saranno coinvolte alcune agenzie locali: la Banca Agricola e Popolare di Ragusa, la cui sede è proprio nella città ragusana, il Banco di Sicilia (agenzia capozona di Ragusa), Banca Intesa (sita a Modica Bassa) e la Banca di Credito Cooperativo (presso Rosolini). Per completare il quadro sugli istituti di credito verranno trattate le loro principali strategie ed in particolare ci si soffermerà sulla segmentazione, una politica di mercato che per essere applicata ha bisogno di buone conoscenze demografiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4INTRODUZIONE Questo lavoro concentra l’attenzione sulla “Business Demography”, cioè su quella parte della demografia applicata alle aziende, che sviluppatasi prima negli U.S.A. si è diffusa recentemente anche in Italia. Questa branca della demografia è in grado di dare un’esauriente risposta ad un interrogativo posto dagli studiosi in una delle tante sessioni della Australian Population Association Conference: “What population studies can do for business?”. Ci si è resi conto che i mutamenti demografici influenzano tantissimo il mercato e inoltre che i metodi demografici godono di una flessibilità tale da poter essere applicati anche a popolazioni non tradizionali come personale d’azienda, produzione, vendite, etc.. Parallelamente alla Business demography è nata una nuova figura di demografo, quella del “business demographer”, vale a dire di colui che tale scienza studia e applica, combinando conoscenze statistico-demografiche, geografiche, socio-economiche. Nei suoi lavori utilizza i tradizionali strumenti impiegati in demografia: censimenti, indagini di settore, archivi di consumatori. Oggetto di analisi della Business Demography può essere qualunque azienda, grande o piccola, appartenente al settore pubblico o privato e, a tal proposito, saranno riportate alcune applicazioni di metodi demografici da parte di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aziende di credito
business demography
customer satisfaction
metodi statistici previsivi
politiche di marketing
strategie di mercato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi