Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione strategica dei costi. Activity Based Costing

La tesi ha per oggetto, l'Activity Based Costing, come strumento per la gestione strategica dei costi. Nata come contabilità analitica evoluta, per ovviare i difetti dei tradizionali sistemi di contabilità (es. il sovvenzionamento incrociato), si è trasformata in un strumento di gestione strategica, dando origine all' Activity Based Management.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. GLI STRUMENTI DEL CONTROLLO DI GESTIONE Gli strumenti tecnico-contabili a disposizione del management per il controllo di gestione si possono elencare in: ¾ Contabilità generale e bilancio d’esercizio; ¾ Contabilità analitica; ¾ Budget; ¾ Analisi degli scostamenti. Questi quattro strumenti sono strettamente connessi tra loro ed in particolar modo si può affermare che è proprio la contabilità analitica il filo conduttore che lega tra loro gli altri tre strumenti. Il bilancio d’esercizio non serve solo per gli adempimenti civilistico-fiscali ma anche per il monitoraggio della gestione attraverso le analisi di bilancio (per indici e per flussi), fornendo informazioni economiche e finanziarie sulla gestione passata (bilancio consuntivo). Il budget è un programma d’esercizio tradotto in termini economico-finanziari che assume la veste di bilancio preventivo: esso esprime quali saranno gli investimenti, le fonti di finanziamento, nonché i costi ed i ricavi dell’azienda per l’esercizio successivo. La contabilità analitica rende razionali molte decisioni del budget (quanto produrre e quanto vendere, il prezzo di vendita, con quale mix produttivo,…) e traduce in termini economici i programmi operativi di gestione che costituiscono il budget. Essa può essere a “costi standard” e a “costi consuntivi”: la prima è quella che è stata appena descritta; la seconda permette, invece di imputare i costi e ricavi del conto economico ad oggetti particolari di calcolo, come i centri di responsabilità in primo luogo, ma non solo (ad esempio a prodotti, a clienti, a canali distributivi, …). Tale funzione fa ben comprendere come essa sia strettamente legata all’analisi degli scostamenti. Quest’ultima consiste nella determinazione delle differenze tra valori a budget (obiettivi) e valori a consuntivo (valori effettivi) e nella scomposizione di tali scostamenti secondo le cause che li hanno determinati.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Daniela Nebiolo Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11908 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.