Skip to content

Gli spazi commerciali in aeroporto e l'affidamento a terzi in subconcessione

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Scaduto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Alberto Giulio Cianci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

A seguito dello stage svolto presso l’aeroporto di Pisa, ho intrapreso e portato a termine diversi progetti per il Commerciale e Marketing della struttura, una di queste (commercializzazione Edificio A) mi ha infatti portato a svolgere il presente lavoro e a concentrarmi sul regime giuridico a cui in Italia dette società operano nell’affidamento a terzi degli spazi commerciali.
Partendo dal riassetto dell’infrastruttura aeroportuale: da semplice impresa di trasporto ad impresa-aeroporto, tesa tra l’altro alla creazione di veri e propri centri commerciali, in grado di attrarre nuove tipologie di consumatori ed utenti, l‘analisi svolta si è inizialmente focalizzata sulle cause che hanno per così dire determinato tali trasformazioni, vale a dire: la deregulation del trasporto aereo, il processo di privatizzazione delle infrastrutture e l’ulteriore liberalizzazione delle tariffe di handling.
Tutte queste, visto l’aumento del traffico passeggeri e merci, hanno influito nel configurare l’infrastruttura aeroportuale come una realtà in grado di giocare un ruolo sempre più importante nel nuovo panorama competitivo tra vettori ed aeroporti stessi, non da ultimo rendendo necessarie, in capo al management di tali società, nuove forme di finanziamento per il mantenimento e lo sviluppo delle infrastrutture stesse.
In dipartimento non aviation diventa così parte della struttura, tesa a ricercare nuove forme di ricavo dallo sviluppo di nuove attività tra cui la disponibilità di spazi commerciali, da cui il gestore, nel caso in cui dette attività vengano affidate a soggetti terzi, percepisce un canone mensile più una royalty sul fatturato.
Vista la natura demaniale dei beni su cui si sostanzia l’attività della società di gestione aeroportuale, nasce la questione discussa nell’ultimo capitolo sul tipo di regime giuridico più opportuno a questa fattispecie.
Secondo il disposto dell’art. 823 c. c. i beni demaniali (in quanto beni pubblici) sono infatti suscettibili di formare diritti nei confronti di terzi solo nei limiti e nei modi stabiliti dalla legge; l’attribuzione al privato di un diritto di godimento su beni demaniali si realizza attraverso provvedimenti unilaterali di concessione (che configura il rapporto tra Stato e Pubblica Amministrazione), disciplinati da legislazione speciale (tra cui la revisione della parte aeronautica del c.d.n.), che in alcuni casi (Roma e Milano) ha visto l’affidamento delle strutture operate per mezzo di leggi create ad hoc.
In relazione all’affidamento, di locali interni all’infrastruttura aeroportuale, la Corte di Cassazione (con sentenza n. 5346/2000) si è pronunciata affermando che il concessionario, se autorizzato dall’amministrazione concedente, può dare a terzi, a titolo oneroso e dietro corrispettivo, terreni demaniali e/o locali facenti parte del demanio, mediante sia locazione che subconcessione.
Visti: l’incidenza dell’atto di concessione (di natura prettamente pubblica), la strumentalità, esaminata sotto diversi aspetti, che lega il gestore aeroportuale (concessionario) al soggetto terzo (subconcessionario) e l’analisi dottrinale e giuridico svolta, sembra che la forma più idonea ad affidare a terzi tali spazi sia riconducibile ad un contratto atipico di tipo non locativo, regolato dal diritto privato e definito nella maggior parte dei casi con il termine di subconcessione.
Non mancano comunque le pronunce che si schierano a favore dell’applicabilità dell’istituto della locazione, come la sentenza del Tribunale di Torino del 2 aprile 1984, che nel caso di spazi, affidati ad una banca all’interno dell’aeroporto di Torino Caselle, rappresenta un caso particolare relativamente all’applicabilità della legge 392/78 che disciplina la locazione ed in definitiva sottopone le parti a vincoli diversi in tema di durata del rapporto e successivo rinnovo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo lavoro nasce dall'esigenza di far chiarezza su due aspetti di particolare importanza che oggi vedono un riassetto dell'infrastruttura aeroportuale da “semplice” impresa di trasporto, in grado di garantire rapidi spostamenti di persone e merci, a vere e proprie realtà imprenditoriali, in grado di generare grandi volumi di investimento ed una forte domanda di beni e servizi. Le ragioni di questi cambiamenti sono senz'altro da attribuire alla deregulation del mercato, iniziata dapprima in America e verso gli anni novanta arrivata anche in Europa con una conseguente rivoluzione nelle logiche di tariffazione e gestione del trasporto stesso. Insieme al processo di globalizzazione così, la domanda di trasporto aereo si è innalzata fino ad assumere un ruolo fondamentale nel panorama economico moderno, dovuto principalmente allo sviluppo dei mercati ed all'incremento dei rapporti commerciali e quindi ad un'esigenza di maggiore prossimità nei collegamenti tra gli stati. L'esigenza di percorrere maggiori distanze in tempi più o meno brevi e la liberalizzazione del traffico aereo ha così portato l'infrastruttura aeroportuale ad una nuova riorganizzazione soprattutto a livello infrastrutturale tesa a rafforzare le strutture stesse ed a porsi in un'ottica competitiva. Il primo aspetto da esaminare parte da un nuova visione dell'impresa aeroportuale orientata al profitto, dovuta anche al processo di privatizzazione della maggior parte degli aeroporti, si ritengono necessarie, quindi, nuove strategie aziendali in grado di remunerare gli investimenti che passano nella maggior parte dei casi dalla mano pubblica a quella privata e che richiedono come fine ultimo l'elevazione della redditività d'impresa. Con l’ulteriore liberalizzazione dei servizi di handling l’infrastruttura aeroportuale si pone in una nuova ottica di mercato altamente competitiva, venendo meno, come molti autori affermano, la posizione di “monopolio 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aeroporti
aeroporto
aeroportuale
affidamento a terzi
attività commerciali
aviation
concessionario
concessione
deregulation
handling
liberalizzazione
locazione
negozi
non aviation
privatizzazione
scali
subconcessione
sunconcessionario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi