Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Guerra di standard per l'affermazione del DVB-H in Italia

In questa tesi si è analizzato il percorso che ha portato la tecnologia DVB-H a diventare standard a livello europeo per il nascente mercato della Mobile Tv. Partendo dall’analisi dei modelli di adozione di innovazioni tecnologiche all’interno di economie di rete, si sono enunciate le due possibili strade che possono essere seguite dalla standardizzazione : “de iure” e/o “de facto”. La normativa vigente è quella della televisione digitale terrestre ed è stata dettata dall’Unione Euopea e recepita dalle istituzioni nazionali. Dopo l’analisi delle caratteristiche a contenuto innovativo del DVB-H si è proceduto a un confronto fra le tecnologie competitors, DAB, T-DMB, MediaFlo e si sono evidenziate le differenze fra esse e i motivi che hanno portato a prediligere il DVB-H.
Il processo di standardizzazione è stato favorito e promosso a livello formale dall’E.T.S.I.,organizzazione costituita dai players del mercato delle TLC e a stretto contatto con la Commissione Europea. Già nel novembre 2004 è dunque stato assunto come standard ufficiale per il mercato europeo ponendosi come punto di convergenza per la nascente Mobile Tv per gestori di rete ,manufacturers e amministrazioni pubbliche.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo I Innovazione e affermazione di uno standard 1.1 Standardizzazione: definizione post-fordista Il DVB-H, acronimo di Digital Video Broadcasting - Handheld, è lo standard del consorzio europeo DVBproject per una modalità di radiodiffusione terrestre studiata per trasmettere programmi TV, radio e contenuti multimediali ai dispositivi handheld, come i più comuni smartphone e i palmari Pda. Il processo che ha portato all’affermazione di tale tecnologia come standard comprende l’aspetto giuridico (analizzato nel Cap. 2) e l’aspetto strategico nella creazione di fatto di un metamercato, in cui sono venuti a coesistere broadcaster, gestori di rete ,competitors di telefonia mobile. Ma da cosa nasce il concetto di “standard”? Il termine è ormai di uso comune ma, da come si potrà desumere in seguito, non banale. Ha evoluto nel corso del tempo il suo significato, dalla definizione fordista a quella attuale, che risulta nei contenuti parzialmente opposta a quella originale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simone Gerosa Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 842 click dal 15/05/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.