Skip to content

La società cooperativa: analisi di una cooperativa del lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Magrì
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Antonio Costa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Prima dell’emanazione della legge n. 142 del 3 aprile 2001 esisteva incertezza sull’esatta qualificazione della prestazione del socio lavoratore effettuata a favore della cooperativa.
Siccome gli scopi sociali perseguiti dalle cooperative possono essere molteplici, possiamo distinguere le cooperative in base all’attività esercitata raggruppandole in due grandi gruppi: da un lato abbiamo le cooperative di utenza e dall’altro le cooperative di lavoro.
Le prime hanno come scopo quello di fornire ai propri soci beni e/o servizi a condizioni vantaggiose (fra queste rientrano ad esempio le cooperative di abitazione e quelle fra consumatori, c.d. cooperative di consumo). Qui i rapporti di lavoro che la cooperativa instaura sono meramente strumentali al perseguimento dell’oggetto, e come tali non differiscono dal rapporto di lavoro instaurato per le stesse mansioni da una società di altro tipo. A differenza delle cooperative di utenza, nelle cooperative di lavoro, lo scopo che viene perseguito è quello di fornire occasioni di lavoro ai soci. Il rapporto di lavoro che si instaura fra socio e cooperativa non è quindi strumentale al raggiungimento dell’oggetto, ma diviene intrinseco all’oggetto medesimo, ecco perché il socio della cooperativa viene comunemente definito come socio-lavoratore.
Mentre nelle società cooperative di utenza il vantaggio mutualistico si ottiene attraverso l’acquisto di beni a condizioni migliori di quelle che normalmente vengono praticati sul mercato, nelle cooperative di lavoro il vantaggio per i soci lavoratori dovrebbe consistere nell’ottenere retribuzioni complessivamente maggiori, e migliori condizioni di lavoro, rispetto a quelle di mercato, o comunque continuità di occupazione.
Le società cooperative sorte fra lavoratori non hanno una classificazione specifica nella normativa vigente. Il legislatore nell’individuare le diverse tipologie di società cooperative, ha seguito il criterio del settore economico di appartenenza, e quindi si è fatto riferimento unicamente all’attività economica in concreto svolta dall’impresa, individuando 6 settori di cui cinque riguardano le società cooperative di lavoratori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Le cooperative costituiscono una categoria particolare di imprese commerciali disciplinate da una legge speciale unica o da varie leggi, secondo il tipo ed il settore di attivit . Le disposizioni applicabili alle cooperat ive possono essere riportate in testi diversi: − Testi generali, come, ad esempio, il codice civile, il codice commerciale, il codice del lavoro e rurale; − Testi speciali (che disciplinano l applicazione del diritto comune alle cooperative). Come, ad esempio, la legge sulle societ industriali o la legge sulla concorrenza. Numerosi Paesi non dispongono di una speciale legislazione sulle cooperative. In questo caso esse sono regolate da testi generali che disciplinano l insieme delle imprese commerciali1. Le cooperative operano nell interesse dei loro membri, che sono al tempo stesso utilizzatori, e non sono gestite nell interesse di investitori esterni. I profitti sono percepiti dai membri in proporzione alle loro transazioni con la cooperativa; le riserve e gli attivi sono detenuti in comune, non sono distribuibili e sono utilizzati nell interesse comune dei membri. PoichØ i legami personali tra i membri sono di norma stretti e importanti, le nuove adesioni sono soggette ad un approvazione, mentre il diritto di voto non Ł necessariamente proporzionale alla quota detenuta. Per capire l importanza delle cooperative, occorre individuare alcuni settori nei quali esse hanno un ruolo di rilevo; le cooperative possono essere un mezzo per affermare o accrescere il potere economico delle piccole e medie imprese (PMI) sul mercato e, infatti, esse sono una forma di societ che permette alle PMI di acquisire alcuni vantaggi legati alla dimensione, quali le economia di scala2, l accesso ai mercati, 1 I cooperatori debbono scegliere la forma giuridica piø adeguata alla loro impresa e adottare norme appropriate basandosi sulla loro esperienza pratica e sui principi internazionalmente ammessi nel campo della regolamentazione delle cooperative. Vedi: COSTA A., L azienda cooperativa , pag. 36, CACUCCI EDITORE, BARI, Anno 2003, op. cit. 2 In economia, con la locuzione economie di scala si intende una politica produttiva (o economica in genere) tendente a distribuire sul maggior numero possibile di unit di prodotto l’incidenza dei costi fissi necessari per produrlo, cos da ottenere una benefica diminuzione dei costi sostenuti per produrre ciascuna unit (costo unitario del prodotto). Il va ntaggio economico consiste in pratica in un risparmio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi