Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione chimica e biologica di fanghi provenienti dal trattamento di acque reflue

Attraverso un compostaggio di diversi mesi di fanghi urbani si è proceduto a monitorare l'evoluzione della sostanza organica e il contenuto degli elementi. Tutto questo allo scopo di considerare un utilizzo agricolo di tali materiali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE Dopo l’approvazione della legge 10 maggio 1976 n° 319, meglio nota come legge Merli, è stata regolamentata anche in Italia la depurazione delle acque. Tuttavia, sin dall’entrata in funzione dei primi impianti ci si è trovati di fronte ad un nuovo problema: come smaltire gli inquinanti, organici e inorganici, eliminati dalle acque che si venivano a concentrare in un volume relativamente ridotto, il cosiddetto fango di depurazione. Il problema, a distanza di vent’anni, è ancora attuale e tutt’altro che risolto, non ultimi tutta una serie di ostacoli alle azioni tese al recupero. Come è noto, possiamo definire il fango come l’insieme delle sostanze e dei materiali che si ottengono dai processi di depurazione delle acque reflue urbane, industriali o miste. A livello mondiale la produzione, in rapido aumento in questi anni, è stimata superiore alle 20 υ 10 9 tonnellate annue. È facile intuire quindi che la collocazione di questi materiali rappresenta un problema di crescente rilevanza, in termini di costi sia economici che sociali. Si è imposta da subito, quindi, all’attenzione dell’opinione pubblica, della ricerca e del legislatore, la necessità di trovare una soluzione razionale, dal punto di vista della salvaguardia ambientale e, obiettivo assai più arduo da conseguire, della convenienza economica. Una soluzione che comporti uno smaltimento/reimpiego sicuro per l’ambiente, ma possibilmente anche vantaggioso di tali prodotti. Le tecniche utilizzate dovrebbero garantire un’assenza di rischi sanitari per l’uomo, o per l’ambiente in generale, ma allo stesso tempo dovrebbero permettere di utilizzare le potenzialità residue di questi materiali. La destinazione in agricoltura è forse l’unica che si adatta per questo scopo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Claudio Pausini Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2416 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.