Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pianificazione urbanistica e impatto ambientale: la valutazione ambientale strategica

La presente tesi ha come oggetto la valutazione ambientale strategica ( VAS), una valutazione ambientale che si effetttua sui piani e i programmi che possono avere effetti signficativi sull'ambiente. E' legata al concetto di sviluppo sostenibile nato dalla Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 e fa riferimento al principio di precauzione ( adozione di misure a tutela dell'ambiente anche in quei casi in cui la comunità scientifica non si sia pronunciata). Ho analizzato dei casi materiali di applicazione della vas, precedenti al dlgs. 152 del 2006 che ha ratificato la direttiva 42/2001 in tema di vas, in cui norme sulla vas erano contenute in leggi regionali sulla valutazione di impatto ambientale.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 L’AMBIENTE, NOZIONI E FONTI. 1 NOZIONE DI AMBIENTE. Dalla prima conferenza sull’ambiente tenutasi a Stoccolma nel 1972 al vertice mondiale di Rio de Janeiro su “ Ambiente e sviluppo” sono trascorsi venti anni. In questo periodo di tempo il criterio dei limiti dello sviluppo è stato integrato da quello importantissimo dello sviluppo sostenibile. Le politiche dei singoli paesi sono state influenzate dagli orientamenti e dalle scelte operate in materia ambientale dalle organizzazioni internazionali, che spesso hanno dimostrato maggiore dinamismo rispetto ai singoli stati. La legislazione ambientale si è sviluppata in parallelo con la rivoluzione industriale, limitandosi a tutelare parti della natura di particolare valore ( approccio settoriale). Oggi questo approccio è totalmente superato e negli anni si è andato verso un approccio globale; l’aumento della popolazione, le modifiche strutturali del paesaggio ( sviluppo di insediamenti, infrastrutture, agricoltura industriale ecc.), portano a crescenti carichi su aria, acqua, suolo, flora, fauna e sul paesaggio. Dopo la rivoluzione industriale l’equilibrio ambientale veniva assicurato dalla presenza di un tipo di agricoltura che utilizzava metodi sostanzialmente estensivi su aree che potevano assorbire i carichi limitati provenienti dalle aree urbano-industriale. Nel 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Carmine Fava Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12367 click dal 31/07/2007.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.