Skip to content

Luchino Visconti e il cinema italiano

Informazioni tesi

  Autore: Judit Pölöskei
  Tipo: Tesi di Master
Master in Letteratura , linguistica e cultura italiana
Anno: 2006
Docente/Relatore: Alessandro Dr. Rosselli
Istituito da: University of Szeged , Hungary
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

INTRODUZIONE


La scelta del tema della mia tesi è nata quando ho visto per caso in ungherese un film, Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti alla televisione. Non ho visto la pellicola dall’inizio ma ho fermato l’attenzione su una scena in cui i due protagonisti, Rocco e Nadia, stavano prendendo un caffè su una terrazza di un bar: parlavano di se stessi e del loro paese, e quando Rocco parlava del suo luogo natale e della sua infanzia, cioé del Sud-Italia, e diceva che era venuto al Nord con i suoi fratelli, anche se non voleva. Poi, vedendo questa scena mi é cominciata a interessarmi la trama del film, perché in questo punto Visconti ha toccato un problema vivo anche oggi in Italia e, secondo me anche in Ungheria; forse presente in un altro quadro, cioè in quello per cui anche oggi tanta gente va dal suo piccolo paese in cittá: e ciò a mentre ad altri no. Questo è il primo motivo per cui volevo vedere questo film per intero e, dopo averlo fatto, ho cominciato ad avere interesse a vedere altri film di Luchino Visconti e a conoscere la sua vita e la sua attività cinematografica e teatrale, ma anche l’ambito storico e sociale della sua epoca, accennando così ad altri registi che erano importanti nello stesso periodo.
Poi, ho chiesto l’aiuto di un professore che si occupa di cinema, il Dr. Alessandro Rosselli, che mi ha dato altri film di Luchino Visconti e mi ha rafforzato nell’idea che valga la pena di occuparmi di questo regista su cui sono state scritte diverse critiche, per cui è impossibile classificarlo con i suoi film, come un rappresentante di una particolare tendenza. Visconti ha il proprio stile, che segue diverse tendenze, ma il suo modo di creazione, secondo qualche critico, è totalmente diverso da quelli degli altri registi della sua epoca.
Tutti i veri registi come lui fanno i loro film per dire con essi qualcosa di importante al pubblico. Il motivo per un regista di fare dei film é sempre ispirato dai ricordi e dai sentimenti della sua vita, dall’infanzia fino al momento in cui pensa di fare la sua pellicola; poi, è ispirato anche dalla sua ansia, dalla sua speranza o dalla sua disperazione . Cioè, il vero regista si comporta come un artista.
Luchino Visconti era lo era davvero visto che la sua vita era già un film drammatico con molta tensione e contrasti,fu dalla sua nascita, attraverso gli avvenimenti storici e, così, tramite i cambiamenti sociali e morali della sua epoca. Voleva convincere tutti convicendo così sé stesso: aveva tanta forza per farlo e lottava durante tutta la sua esistenza, con speranza e poi, alla fine della vita, disperatamente contro il disordine del mondo.
Gaia Servadio scrisse di lui nel suo libro Luchino Visconti :
„(...) la creatività non è mai felice e Luchino Visconti era un uomo tormentato da molti dubbi e conflitti interiori. Il mago Visconti. Ricordo una sera d’inverno a Roma, in Piazza del Popolo. Io ero in compagnia di alcuni amici comuni quando lo vidi sbucare improvvisamente dal buio, una lunga sciarpa al collo, un cappottone scuro. Il fatto che ci trovasse subito, malgrado l’oscurità, e la mera forza della sua presenza, che ci fece cambiare all’istante conversazione e atteggiamento, mi ricordarono un episodio dell’Iliade in cui un gruppo di esseri umani è visitato da un dio in incognito, il quale li trova subito, naturalmente, dovunque siano, si mescola a loro e discorre con loro, ma non è come loro.”
Comunque, non solo la presenza ma anche le sue opere mi sembrano misteriose e piene di segreti ma anche di forza.
I critici hanno opinioni diverse su Luchino Visconti e sulle sue opere, ma non riescono a indovinare i misteri che erano nel regista e nei suoi film.
Appunto per questo mi interessa tanto, proprio perché è impossibile classificarlo: lui resta come un grande enigma difficilmente comprensibile. Forse questo era il suo scopo, cioè che il suo pubblico trovi il significato dei simboli nei suoi film e faccia riferimento a lui per capire così la propria vita problematica.
Questo è il motivo più importante per cui ho scelto il mio tema di tesi: capire meglio me stessa esaminando i film e le attività di Luchino Visconti.




CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 2. INTRODUZIONE La scelta del tema della mia tesi è nata quando ho visto per caso in ungherese un film, Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti alla televisione. Non ho visto la pellicola dall’inizio ma ho fermato l’attenzione su una scena in cui i due protagonisti, Rocco e Nadia, stavano prendendo un caffè su una terrazza di un bar: parlavano di se stessi e del loro paese, e quando Rocco parlava del suo luogo natale e della sua infanzia, cioé del Sud- Italia, e diceva che era venuto al Nord con i suoi fratelli, anche se non voleva. Poi, vedendo questa scena mi é cominciata a interessarmi la trama del film, perché in questo punto Visconti ha toccato un problema vivo anche oggi in Italia e, secondo me anche in Ungheria; forse presente in un altro quadro, cioè in quello per cui anche oggi tanta gente va dal suo piccolo paese in cittá: e ciò a mentre ad altri no. Questo è il primo motivo per cui volevo vedere questo film per intero e, dopo averlo fatto, ho cominciato ad avere interesse a vedere altri film di Luchino Visconti e a conoscere la sua vita e la sua attività cinematografica e teatrale, ma anche l’ambito storico e sociale della sua epoca, accennando così ad altri registi che erano importanti nello stesso periodo. Poi, ho chiesto l’aiuto di un professore che si occupa di cinema, il Dr. Alessandro Rosselli, che mi ha dato altri film di Luchino Visconti e mi ha rafforzato nell’idea che valga la pena di occuparmi di questo regista su cui sono state scritte diverse critiche, per cui è impossibile classificarlo con i suoi film, come un rappresentante di una particolare tendenza. Visconti ha il proprio stile, che segue diverse tendenze, ma il suo modo di creazione, secondo qualche critico, è totalmente diverso da quelli degli altri registi della sua epoca. Tutti i veri registi come lui fanno i loro film per dire con essi qualcosa di importante al pubblico. Il motivo per un regista di fare dei film é sempre ispirato dai ricordi e dai sentimenti della sua vita, dall’infanzia fino al momento in cui pensa di fare la sua pellicola; poi, è ispirato anche dalla sua ansia, dalla sua speranza o dalla sua disperazione . Cioè, il vero regista si comporta come un artista. Luchino Visconti era lo era davvero visto che la sua vita era già un film drammatico con molta tensione e contrasti,fu dalla sua nascita, attraverso gli avvenimenti storici e, così, tramite i cambiamenti sociali e morali della sua epoca. Voleva convincere tutti convicendo così sé stesso: aveva tanta forza per farlo e lottava durante tutta la sua

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bellissima
il cinema italiano del neorealismo
le notti bianche
luchino visconti
ossessione
rocco e i suoi fratelli
senso
teatro
cinema
luce
renoir
critiche, riconoscimenti
james m. cain
fascismo, antifascismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi