Skip to content

La relazione tra Committente e Fornitore nella formazione finanziata: tre casi di strategie di comunicazione tra Autorità di Gestione e Operatori

Informazioni tesi

  Autore: Marta Scuccuglia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Luigi Rosati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

Si parla da tempo nel nostro paese di comunicazione pubblica e di comunicazione istituzionale; infatti, la democrazia può essere valutata in base alle possibilità di partecipazione alla cosiddetta “cosa pubblica” offerte ai cittadini dalle Amministrazioni Pubbliche. In altre parole è possibile dichiarare che si realizza una vera democrazia quando lo scambio di informazioni tra sistema pubblico e sistema privato rappresenta la regola e non un’eccezione. In Italia, il processo di riforma avviato negli anni Novanta e l’avvento delle tecnologie informatiche, ha determinato la realizzazione di nuove forme di comunicazione, basate sulla relazione tra soggetti, che pur confrontandosi all’interno di una condizione caratterizzata dalla disparità di ruoli, decidono di relazionarsi tra di loro e di scambiarsi informazioni e conoscenza, attraverso l’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione. Studiare la comunicazione delle istituzioni pubbliche, in questo lavoro, ha significato affrontare le dinamiche di un processo sociale che coinvolge diversi attori in diversi contesti: da una parte abbiamo il sistema pubblico rappresentato, nel nostro caso, dalle Autorità di Gestione regionali e provinciali della Regione Lazio, Regione Sicilia e della Provincia Autonoma di Bolzano; dall’altro i Beneficiari finali delle azioni finanziate dai Fondi Strutturali. La relazione tra sistema pubblico e sistema privato è caratterizzata spesso da dinamiche conflittuali, che determinano lo scontro tra le parti coinvolte nel processo comunicativo, ma rappresenta anche una risorsa su cui costruire un dialogo ed un confronto efficace, grazie al quale è possibile avviare processi di innovazione e cambiamento.
Nel capitolo primo, abbiamo definito il concetto di Istituzione attraverso la descrizioni di nuove forme di potere assunte dalle Autonomie Locali, riconosciute anche a livello costituzionale, che caratterizzano il passaggio dalla Stato-soggetto allo Stato-funzione. Il cambiamento avvenuto in questi ultimi anni, influisce sulla struttura organizzativa delle istituzioni pubbliche; da un’organizzazione gerarchica e burocratica si passa ad un’organizzazione reticolare e di conseguenza, si modifica anche il ruolo che le istituzioni pubbliche rivestono nella società postmoderna. Abbiamo fatto riferimento, quindi, all’evoluzione del sistema pubblico presentando la politica di coesione emanata Commissione Europea, caratterizzata da un forte coinvolgimento dei diversi livelli amministrativi e dei gruppi socio-economici presenti sul territorio. Inoltre abbiamo descritto lo strumento del partenariato, come un luogo di incontro dei soggetti pubblici e privati, che attraverso l’utilizzo della partnership, attivano relazioni collaborative basate sulla fiducia reciproca.
Nel capitolo secondo abbiamo circoscritto il contesto di riferimento, attraverso la definizione del concetto di politiche attive del lavoro e la descrizione delle caratteristiche dei fondi strutturali. Nel terzo capitolo, abbiamo affrontato il tema della Comunicazione Istituzionale prendendo in considerazione il processo di riforma, che ha investito le Pubbliche Amministrazioni a partire dagli anni Novanta. Inoltre abbiamo cercato di mettere in evidenza la centralità della comunicazione e delle competenze comunicative, sulla base delle indicazioni teoriche relative ai nuovi paradigmi comunicativi.
Nell’ultimo capitolo, presentiamo la nostra ricerca sulle strategie comunicative messe in atto dall’Autorità di Gestione, che si basa sull’analisi dei siti della Regione Lazio, della Regione Sicilia e della Provincia Autonoma di Bolzano e sull’analisi dei forum della Regione Lazio, grazie ai quali abbiamo potuto osservare in che modo viene gestita l’interazione tra sistema pubblico e privato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE Si parla da tempo nel nostro paese di comunicazione pubblica e di comunicazione istituzionale; infatti, la democrazia può essere valutata in base alle possibilità di partecipazione alla cosiddetta “cosa pubblica” offerte ai cittadini dalle Amministrazioni Pubbliche. In altre parole è possibile dichiarare che si realizza una vera democrazia quando lo scambio di informazioni tra sistema pubblico e sistema privato rappresenta la regola e non un’eccezione. In Italia, il processo di riforma avviato negli anni Novanta e l’avvento delle tecnologie informatiche, ha determinato la realizzazione di nuove forme di comunicazione, basate sulla relazione tra soggetti, che pur confrontandosi all’interno di una condizione caratterizzata dalla disparità di ruoli, decidono di relazionarsi tra di loro e di scambiarsi informazioni e conoscenza, attraverso l’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione. Studiare la comunicazione delle istituzioni pubbliche, in questo lavoro, ha significato affrontare le dinamiche di un processo sociale che coinvolge diversi attori in diversi contesti: da una parte abbiamo il sistema pubblico rappresentato, nel nostro caso, dalle Autorità di Gestione regionali e provinciali della Regione Lazio, Regione Sicilia e della Provincia Autonoma di Bolzano; dall’altro i Beneficiari finali delle azioni finanziate dai Fondi Strutturali. La relazione tra sistema pubblico e sistema privato è caratterizzata spesso da dinamiche conflittuali, che determinano lo scontro tra le parti coinvolte nel processo comunicativo, ma rappresenta anche una risorsa su cui costruire un dialogo ed un confronto efficace, grazie al quale è possibile avviare processi di innovazione e cambiamento. Nel capitolo primo, abbiamo definito il concetto di Istituzione attraverso la descrizioni di nuove forme di potere assunte dalle Autonomie Locali, riconosciute anche a livello costituzionale, che caratterizzano il passaggio dalla Stato-soggetto allo Stato-funzione. Il cambiamento avvenuto in questi ultimi anni, influisce sulla struttura organizzativa delle istituzioni pubbliche; da un’organizzazione gerarchica e burocratica si passa ad un’organizzazione reticolare e di conseguenza, si modifica anche il ruolo che le istituzioni pubbliche rivestono nella società postmoderna. Abbiamo fatto riferimento, quindi, all’evoluzione del sistema pubblico presentando

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi qualitativa
autorità di gestione
beneficiari finali
coesione
competenze comunicative
comunicazione
comunicazione on line
dinamiche del potere
e-democracy
e-governament
efficacia
fondi strutturali
formazione
formazione finanziata
istituzione
partenariato
piano di comunicazione
politiche attive
politiche del lavoro
progettazione
programmazione 2000-2006
pubblica amministrazione
strategie comunicative
trasparenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi