Skip to content

Le attività immateriali e l’avviamento: il trattamento nei principi contabili internazionali e l’applicazione dell’impairment test nelle imprese bancarie quotate in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Dario Colombo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Andrea Amaduzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

L’oggetto di questa Tesi è l’analisi del trattamento contabile dell’avviamento e delle altre attività immateriali, così come previsto dalle versioni più recenti dei principi contabili emanati dall’International Accounting Standard Board. Questi prevedono delle novità significative rispetto alla prassi contabile comunemente adottata nella maggior parte dei Paesi, compreso il nostro, fino a pochi anni fa. La più importante, con riferimento all’avviamento, è l’abbandono dell’ammortamento sistematico e del concetto di vita utile definita, che costituisce il presupposto per un trattamento di questo tipo.
L’avviamento, per le imprese che applicano i principi IAS/IFRS, viene iscritto in bilancio come un’attività a vita utile indefinita, con la verifica periodica dell’esistenza di perdite di valore (impairment test). Nel procedimento di impairment vengono usati metodi di valutazione economico-finanziaria e di mercato, si avrà una valutazione diretta dell’utilità stessa, fatta partendo dal punto di vista dell’azienda utilizzatrice o del mercato, a seconda del parametro di valutazione utilizzato, tutto questo in un’ottica liberistica che dà un peso maggiore all’auto-regolazione piuttosto che alla pianificazione.
La disciplina contabile delle attività immateriali è oggetto di studi relativamente recenti. L’argomento ha acquisito una certa rilevanza a partire dagli anni Ottanta, parallelamente all’aumento dell’importanza economica delle attività immateriali nel contesto dell’economia di mercato. A questo proposito occorre fare una distinzione tra avviamento e altre attività immateriali. L’accresciuta importanza di una corretta valutazione del valore di bilancio di attività quali marchi, lavori artistici, immateriali legati alla tecnologia, ai rapporti con la clientela o con la rete distributiva (franchising), è una diretta conseguenza dell’evoluzione del sistema di mercato da un’economia di eccesso di domanda, con una debole pressione concorrenziale, ad un contesto di eccesso di offerta, caratterizzata da una intensa competizione basata sempre più spesso sugli elementi immateriali, piuttosto che sul prodotto/servizio in sé, che tende a diventare sempre più spesso una mera commodity. L’importanza economica di tale successo si riflette immediatamente sul valore di mercato dell’azienda.
Ecco quindi che comincia ad intuirsi la ragione dell’accresciuta importanza dell’avviamento: nel momento in cui un soggetto voglia acquisire l’azienda in questione, non pagherà semplicemente il valore degli immobili, delle attrezzature o dei macchinari (elementi che, in un’impresa innovativa, potrebbero non essere nemmeno presenti): dovrà pagare un sovrapprezzo, che concettualmente è legato a quegli elementi che non possono essere inseriti nel bilancio immediatamente precedente alla data dell’acquisizione. Questo sovrapprezzo, nel bilancio consolidato dell’acquirente successivo all’acquisizione, andrà ad essere allocato in parte agli elementi immateriali citati in precedenza (i cosiddetti intangibili specifici), mentre per la parte rimanente andrà a costituire l’avviamento.
Dopo aver esaminato il trattamento contabile dell’avviamento e degli intangibili specifici, si andrà ad analizzare l’applicazione dell’impairment test in un campione di imprese operanti nel settore bancario quotate alla Borsa di Milano. Questo settore è stato scelto in quanto l’avviamento e le risorse immateriali rivestono un’importanza molto elevata anche nel settore dei servizi finanziari, specie in un contesto di mercato come quello che si è avuto nel nostro Paese negli ultimi anni, caratterizzato dal verificarsi di numerose operazioni di concentrazione, in seguito alla riforma della regolamentazione del settore bancario avvenuta nel 1993 e alla privatizzazione di numerosi istituti di credito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L oggetto di questa Tesi Ł l analisi del trattamento contabile dell avviamento e delle altre attivit immateriali, cos come previsto dall e versioni piø recenti dei principi contabili emanati dall International Accounting Standard Board. Questi prevedono delle novit significative rispetto alla prassi contabile comunemente adottata nella maggior parte dei Paesi, compreso il nostro, fino a pochi anni fa. La piø importante, con riferimento all avviamento, Ł l abbandono dell ammortamento sistematico e del concetto di vita utile definita, che costituisce il presupposto per un trattamento di questo tipo. L avviamento, per le imprese che applicano i principi IAS/IFRS, viene iscritto in bilancio come un attivit a vita utile indefinita, con la verifica periodica dell esistenza di perdite di valore (impairment test). Assume un importanza fondamentale quindi l impairment test, che va in un certo senso a sostituire l ammortamento. Concettualmente, questo significa che l attivit sottoposta ad impairment test ha una vita utile finita, anche se non definita in base ad un piano di ammortamento pensato al momento dell acquisizione dell attivit stessa: dato che, come si vedr megli o in seguito, nel procedimento di impairment vengono usati metodi di valutazione economico-finanziaria e di mercato, si avr una valutazione diretta dell utilit stessa, f atta partendo dal punto di vista dell azienda utilizzatrice o del mercato, a seconda del parametro di valutazione utilizzato, tutto questo in un ottica liberistica che d un peso maggiore al l auto-regolazione piuttosto che alla pianificazione. Non per niente, questi concetti sono stati introdotti in primo luogo nella prassi contabile statunitense, a partire dal 2001, per poi essere fonte di ispirazione per l evoluzione degli standard contabili internazionali. L impairment test e il trattamento contabile dell avviamento saranno oggetto di due capitoli specificamente dedicati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acquisizioni
aggregazioni
attività immateriali
avviamento
banche
brand
business combinations
concentrazioni
customer relationship
goodwill
ias
ias 36
ias 38
ifrs
ifrs 3
impairment test
imprese bancarie
intangibili
intangibles
marchio
settore bancario
trademark
valutazione
vita utile indefinita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi