Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto tra stimatori per piccole aree

Questa tesi si suddivide in tre parti:

- introduzione relativa al concetto di piccole aree e le problematiche legate ad esse;

- panoramica dei metodi di stima delle piccole aree, in cui vengono messi in risalto punti di forza e debolezza di tai stimatori;

- simulazione per mostrare un caso pratico della stima in un campione con piccole aree, al fine di effettuare un confronto tra stimatori sulla base delle loro performance.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Attualmente le indagini campionarie giocano un ruolo chiave per programmare lo svolgimento dell’attività di enti privati e pubblici. La rapida evoluzione dei mercati e del modo di vivere rende i dati censuari, rilevati una volta ogni dieci anni, utilizzabili solo marginalmente a tale scopo; inoltre essi si riferiscono solo ad alcuni aspetti, che possono risultare inadeguati rispetto alle esigenze conoscitive. Molte indagini, soprattutto quelle su larga scala, sono fatte in base ad un disegno campionario complesso, spesso con stratificazione geografica e rispetto ad alcune caratteristiche delle unità osservate, disegno che consente di ottenere stime affidabili soltanto per un livello prestabilito di ripartizione geografica o dominio. La stima per piccole aree intende superare questo problema, consentendoci di ottenere stime affidabili per ripartizioni geografiche e domini più piccoli rispetto a quelli previsti dal disegno campionario originario. Grazie a questa procedura possiamo usare al meglio dati censuari e dati campionari per fornire velocemente stime affidabili per microaggregati, la cui analisi risulta oggi vincente sia per gli enti privati, che sono così in grado di ottenere informazioni precise e dettagliate per ogni mercato, sia per gli enti pubblici, che possono operare una pianificazione economica e territoriale più mirata. Un ulteriore vantaggio di questa metodologia deriva dalla possibilità di utilizzare fonti statistiche già esistenti, come i dati censuari, gli archivi amministrativi, i dati di diverse indagini campionarie, ecc, combinandole insieme al fine di ottenere una stima affidabile per il carattere desiderato, nell’ambito dell’analisi svolta. Non risulta necessario, quindi, progettare indagini “ad hoc” per ottenere le informazioni desiderate, con il risultato di notevole diminuzione di costi e tempi. La velocità nell’ottenere le stime e i costi sostenuti per ottenerle giocano un ruolo importante nel sistema competitivo di oggi, e questo sottolinea l’importanza di promuovere metodi

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Valeria Nale Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 996 click dal 19/10/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.