Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'anatomia impazzita: è tutto cuore. Vladimir Majakovskij metallico e vulnerabile

LA TESI è UN VIAGGIO NELLA POESIA E NEL TEATRO DI VLADIMIR MAJAKOVSKIJ NEL PERIODO PRERIVOLUZIONARIO

Mostra/Nascondi contenuto.
2 L’obiettivo di questa ricerca è quello di esaminare la geniale personalità e la struttura profondamente originale e rivoluzionaria della poesia di Majakovskij. Dopo una breve introduzione sull’ambiente letterario russo del periodo, tratterò specificatamente del poeta “metallico e vulnerabile 1 ” e della sua produzione artistica d’avanguardia, con particolare attenzione agli anni 1912 – 1917. Nella prima parte mi occuperò della lirica giovanile, che considero senz’altro la più interessante e la più rappresentativa di questo poeta così egocentrico, eccessivo, incontenibile, dagli atteggiamenti provocatori e con una prepotente personalità. La seconda parte sarà dedicata invece al teatro, e soprattutto alla tragedia del 1913 Vladimir Majakovskij. In generale ho cercato di riportare tutte le poesie e le citazioni in lingua originale con la traduzione in nota. Appaiono in italiano quando è stato per me impossibile trovarle in russo. È facile accomunare la personalità di Majakovskij al fermento storico e letterario dei primi anni del ‘900, che sono caratterizzati da un forte rifiuto per il passato. Tra il 1910 e il 1915 il mondo letterario russo è interessato dall’emergere del futurismo, che gettò ombra sul movimento simbolista ”ormai invecchiato” rifiutandone la teoria e la pratica poetica. Quattro furono i gruppi futuristi del primo periodo: egofuturismo, Mezzanino della poesia, Centrifuga, Gileja (noto successivamente come cubofuturismo). L’egofuturismo fu creato a S. Pietroburgo nel 1911 dal poeta Igor Severjanin: il distacco dalla tradizione simbolista è ancora debole e incerti sono i tentativi di innovazione sia lessicale sia tematica. Nonostante la denominazione avveniristica (furono loro che introdussero la parola futurismo), il gruppo si richiama più volte alle formule della tradizione romantica. 1 Curzia Ferrari, Majakovskij: la storia, il romanzo, Sugarco Edizioni, Milano 1982, p. 252

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Clara Mazzetti Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1940 click dal 08/11/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.