Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione della qualità dei corpi idrici

Le varie leggi italiane in tema di tutela delle acque dall’inquinamento sono state recentemente accorpate nel D. L. n.152/99, così come integrato e modificato nel
D. L. n° 258/2000, che definisce la disciplina generale per la tutela delle acque superficiali, sotterranee e marine. Con delibera del 30/7/2001, la Regione Toscana ha individuato nell’ ARPAT (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana), l’Ente per l’espletamento delle procedure di monitoraggio, necessarie per la classificazione dei corpi idrici e l’adozione di misure per il raggiungimento degli obiettivi di qualità previsti dalle normative (Delibera Regionale di assegnazione delle risorse n° 858 del 30/07/2001). Le attività svolte nel corso del tirocinio presso l’ARPAT di Siena e riportate nella presente tesi, riguardano la fase conoscitiva iniziale del programma di monitoraggio ambientale, avente lo scopo di classificare i corpi idrici della Provincia di Siena. In particolare, sono state affrontate le procedure di rilevamento dei parametri fisico-chimici e biologici delle acque interne superficiali (Arpat; Piano di Monitoraggio 2001).

Mostra/Nascondi contenuto.
2 RIASSUNTO Le varie leggi italiane in tema di tutela delle acque dall’inquinamento sono state recentemente accorpate nel D. L. n.152/99, così come integrato e modificato nel D. L. n° 258/2000, che definisce la disciplina generale per la tutela delle acque superficiali, sotterranee e marine. Con delibera del 30/7/2001, la Regione Toscana ha individuato nell’ARPAT (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana), l’Ente per l’espletamento delle procedure di monitoraggio, necessarie per la classificazione dei corpi idrici e l’adozione di misure per il raggiungimento degli obiettivi di qualità previsti dalle normative (Delibera Regionale di assegnazione delle risorse n° 858 del 30/07/2001). Le attività svolte nel corso del tirocinio presso l’ARPAT di Siena e riportate nella presente tesi, riguardano la fase conoscitiva iniziale del programma di monitoraggio ambientale, avente lo scopo di classificare i corpi idrici della Provincia di Siena. In particolare, sono state affrontate le procedure di rilevamento dei parametri fisico-chimici e biologici delle acque interne superficiali (Arpat; Piano di Monitoraggio 2001). ABSTRACT In Italy new laws have recently been introduced to protect waters and aquatic ecosystems. Essentially, these laws aim at preventing water pollution and recovering polluted aquatic environments, to assure all possible uses of water and the survival of aquatic animal and plant communities. Tuscany Regional Administration commissioned the A.R.P.A.T. (Provincial Agency for Environmental Protection) to monitor water bodies in order to classify their quality and to evaluate the most suitable steps to reach the quality standards according to the new law. This thesis reports laboratory and field activities at the ARPAT of Siena in the framework of preliminary steps of water body monitoring and classification. In particular, technical procedures for the assessment of physico-chemical and microbiological parameters of aquatic ecosystems are presented.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Ambientali

Autore: Maurizio Fattorini Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1116 click dal 26/11/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.