Skip to content

Contenuto in fibre totali in diverse cultivar di pomodoro

Informazioni tesi

  Autore: Orazio Motolese
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Giuseppe Dalessandro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

Le fibre sono i costituenti non digeribili facenti parte della parete cellulare che apportano numerosi effetti benefici al nostro organismo se ingeriti con la dieta.
Nel mio lavoro di tesi è stato determinato il contenuto di fibre totali in 4 differenti cultivar di pomodoro industriale ad alto contenuto in licopene (HLY 02, HLY 13, HLY 18 e Kalvert) ed una cultivar di pomodoro da industria comune (Sharon) non sottoposta a selezione per l’elevato contenuto in licopene. É stata ottimizzata una tecnica specifica di omogeneizzazione, al fine di liberare tutte le fibre che potrebbero essere compartimentalizzate in specifiche porzioni della bacca. Il metodo utilizzato per la determinazione delle fibre totali è quello descritto da Lee et al. (1992), ottimizzato ed adattato alle nostre esigenze sperimentali. Il pomodoro contiene discrete quantità di fibre che, in associazione con antiossidanti presenti al suo interno, gli conferiscono la denominazione di “functional food”, determinando così grossi benefici alla salute umana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 4 Nell’ambito delle scienze e tecnologie alimentari ha assunto crescente importanza la valutazione delle caratteristiche nutrizionali degli alimenti, non solo in considerazione delle proprietà nutritive, ma anche riguardo al loro apporto di fattori non assimilabili in grado però, di svolgere funzioni importanti per la salvaguardia della salute umana. Tra questi, notevole interesse è rivolto all’attività delle fibre. Sebbene siano state compiute ricerche estese, la definizione di “fibra alimentare” o “fibra dietetica” è stata, ed è tuttora, oggetto di continui dibattiti probabilmente a causa della rilevante eterogeneità strutturale dei suoi componenti, la cui unica caratteristica comune è quella di non essere digeribili dall’uomo. Storicamente fu Hipsley (1953) che definì la fibra dietetica come “porzione non digeribile costituente le pareti delle cellule vegetali ”. Negli anni ’70 ricercatori, quali Trowell, Burkitt, Walzer, Painter fornirono una definizione di fibra alimentare più ristretta nella quale si escludevano i polisaccaridi aggiunti alla dieta come additivi (es. cellulosa modificata, gomme delle piante). In seguito la definizione fu ampliata ed incluse tutti i polisaccaridi e la lignina che non sono idrolizzabili dalle secrezioni endogene dell’apparato digerente umano. La FAO/WHO, nel 1995 incluse nella definizione di fibra anche materiale di origine animale non idrolizzabile dagli enzimi intestinali. Questa definizione venne poi accantonata perchè non accettata dalla comunità scientifica. Recentemente il concetto di fibra alimentare è stato definito sia da un punto di vista fisiologico che chimico. La definizione fisiologica considera la fibra alimentare come la “componente dietetica resistente alla degradazione da parte degli enzimi del corredo enzimatico” (Health and Welfare Canada, 1985), mentre la definizione chimica mette in risalto come la fibra alimentare sia la “somma dei polisaccaridi di origine non amidacea e della lignina” (Committe on Medical Aspects, U.K., 1998). Tuttoggi, la definizione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

botanica
cultivar di pomodoro
fibre
fibre pomodoro
hly
kalvert
licopene
metodo di lee
pomodoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi